Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pinne rosse
La reazione di Murdoch alla guerra dichiaratagli da Mediaset e RAI forse non si limiterà al campo dell’alta definizione, dove il Pescecane ha un vantaggio enorme che il Biscione e il Cavallo morente faticheranno a recuperare in tempi, televisivamente parlando, ragionevoli. Come avevamo ventilato tempo fa, News Corp starebbe pianificando lo sbarco sul digitale terrestre italiano per superare l’accerchiamento e portare la controffensiva su tutti i fronti di guerra. Il punto è che il quadro normativo nostrano formalmente impedisce allo Squalo di sciaguattare nelle acque della televisione numerica terrestre prima del 2012. Formalmente. Perché poi, sul piano sostanziale, si possono indiscutibilmente stringere alleanze propedeutiche a operazioni più complesse al momento propizio. E qualcuno intorno al tavolo di Murdoch pare ci sia già. Magari pronto a parlare non solo di affari ma anche di politica.
 
19/09/2009