Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
225 candeline per il Times: si festeggia con la pubblicazione dell’edizione numero 70mila
Fondato dall’uomo d’affari John Walter, la prima edizione del quotidiano fu stampata il primo gennaio 1785 con il nome di The Universal Daily Register e cambiato tre anni più tardi nell’attuale The Times.
Appartenuto per quattro generazioni alla famiglia Walter, dal 1981 fu pubblicato dalla Times Newspapers Limited, gruppo di News International, a sua volta posseduta dal gruppo News Corporation di proprietà di Rupert Murdoch. Il giornale divenne noto anche per via delle prime forme di corrispondenza dall'estero e di reportage di guerra. Dalle prime edizioni di poco più di due pagine contenenti piccoli annunci pubblicitari, cronache di tutta Europa, un bollettino dalla famiglia reale e notizie di rappresentazioni teatrali del West End di Londra, la situazione è decisamente cambiata. Per cominciare, attraverso la gestione di Murdoch, il giornale è progressivamente evoluto assumendo un formato tabloid, ovverosia più piccolo rispetto alle taglie standard; inoltre, il giornale è a colori, con commenti, innumerevoli inserti e servizi di prima qualità (come osservato da Enrico Franceschini, che per otto anni è stato corrispondente da Mosca di Repubblica, ricoprendo anche le sedi di New York, Washington, e attualmente Gerusalemme). L’era del digitale infine ha colpito anche lo storico giornale il quale si è munito di sito web e versione mobile. Tuttavia, dal 5 luglio scorso, la visione degli articoli è divenuta a pagamento: la prima pagina sul sito internet è accessibile liberamente mentre per poter visionare gli articoli occorre registrarsi per un periodo di prova, alla scadenza della quale incombe l’obbligo di abbonarsi al costo di 1,2 euro per un giorno e 2,4 euro per una settimana. (M.C. per NL)
 
16/07/2010 14:47
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.