Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Agcom: audizione vertici RAI. Pluralismo, obiettività, equilibrio, completezza informazione e qualità trasmissioni gli argomenti
Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presieduto da Corrado Calabrò, ha ascoltato oggi il Presidente del CdA della Rai, Paolo Garimberti, e il Direttore generale, Mauro Masi.
Nel corso dell’audizione, sono stati affrontati in un quadro generale i temi del pluralismo, dell’obiettività, dell’equilibrio e della completezza dell’informazione e della qualità delle trasmissioni. Il Presidente Calabrò, fa sapere l'Agcom, "ha ribadito la necessità che i programmi della Rai rispettino gli obblighi previsti dalla legge, dagli atti di indirizzo della Commissione parlamentare di vigilanza e dal Contratto di servizio ed ha ricordato che la qualità della programmazione e dell’informazione “è un fine strategico e un tratto distintivo dei compiti del servizio pubblico” finanziato dal canone di abbonamento". "I vertici Rai, apprezzando tale impostazione e lo spirito dell’incontro, hanno sottolineato come ciò giovi a un rigenerato convincimento che prelude, tendenzialmente, a una visione comune", continua la nota dell'Autorità. "Prendendo atto dell’impegno dichiarato e delle iniziative concrete della Rai, volti a ricercare qualità ed equilibrio dell’informazione radiotelevisiva, l’Autorità ha auspicato che la Rai prosegua efficacemente nel percorso avviato.  In tale contesto il Presidente Garimberti e il Direttore generale Masi hanno presentato al Consiglio dell’Autorità le prime rilevazioni - relative all’autunno 2009 - del Qualitel, il nuovo strumento per il monitoraggio della qualità dei programmi. Il Presidente dell’Agcom, accogliendo positivamente la notizia che finalmente il Qualitel è divenuto operativo, ha sottolineato l’esigenza che tale strumento rappresenti per la concessionaria pubblica un obiettivo concreto, in quanto l’analisi della qualità, con finalità ben distinte dalla rilevazione degli indici di ascolto, contribuisce a rendere più evidente la connotazione di servizio pubblico dei programmi offerti dalla Rai.  Il Presidente e il Direttore generale della Rai, infine, hanno espresso un giudizio positivo sulle Linee guida formulate dall’Agcom sul nuovo Contratto di Servizio che - hanno sostenuto i vertici Rai - “hanno saputo guardare avanti nella parte relativa allo sviluppo delle nuove tecnologie chiarendo, in particolare, diritti e doveri del servizio pubblico”.
26/01/2010 18:04
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”