Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Allarme pedopornografia online: siti aumentati di quasi il 50% nel 2011
Non si arresta la crescita dello sfruttamento sessuale dei bambini su internet. I siti pedopornografici registrano un balzo in avanti del 47% nei primi nove mesi del 2011, con pedofili che, sul web, si mostrano sempre più evoluti.
A scattare la fotografia del fenomeno è l'Osservatorio internazionale di Telefono Arcobaleno che pubblica oggi il report di settembre sulla pedofilia online, testimoniando, ancora una volta, le dimensioni e la costante crescita del mercato criminale piu' fiorente della new economy. Nei primi nove mesi del 2011 Telefono Arcobaleno ha individuato e segnalato più di 54mila siti, arrivando a superare il totale segnalato nell'intero anno precedente. La maggior parte della pedopornografia parte dall'Europa, in particolare dai Paesi Bassi, che, oltre a ospitare più del 35% dei siti pedofili segnalati da gennaio a settembre (19.107), sono lo Stato che registra l'aumento più significativo di questi materiali rispetto all'anno precedente. A fruire di un'offerta così vasta sono pedofili tecnologicamente attrezzati ed evoluti: dall'analisi di un campione degli accessi a uno dei numerosi siti illegali individuati dagli operatori di Telefono Arcobaleno emerge che circa un terzo degli utenti fa uso di smartphone oppure utilizza hardware e sistemi operativi di ultima generazione. ''Il vero problema è quello dell'inseguimento del sito pedopornografico: è una lotta contro il tempo per intervenire e chiudere quelle pagine'', dice all'Adnkronos Elvira D'Amato, vice questore aggiunto Servizio di Polizia Postale e delle Comunicazioni, spiegando che ''un sito può avere una durata brevissima, spesso solo poche ore o giorni. Di media non durano un mese e lo stesso sito migra, nel senso che viene chiuso su un indirizzo e spostato su un altro''. ''Rispetto al 2010 - rimarca la responsabile del Centro nazionale antipedofilia sulla rete - abbiamo registrato un incremento del 20% circa delle attività sviluppate nel nostro monitoraggio del web e attualmente sono già inseriti nella 'black list' 1.021 siti su tutta la Rete". ''Il problema della pedofilia on line - assicura D'Amato - è continuamente monitorato dalla polizia postale e ci vede impegnati in una lotta portata avanti anche nell'ambito della collaborazione internazionale di polizia. I siti da noi inseriti nella 'black list' - ricorda - vengono quotidianamente trasmessi ai provider italiani che per legge devono attivare entro sei ore procedure di filtraggio, ovvero sistemi che non consentano la visione dei siti. In luogo di quei portali, si apre una pagina con la scritta in italiano e in inglese, che indica lo stop alla navigazione, come accade in altri Paesi europei. Il sistema dei 'filtri' è fondamentale - rimarca - perché consente di assicurare subito la navigazione protetta''. Sul fronte della prevenzione, spiega D'Amato, ''oltre alle iniziative messe in campo nelle scuole e in altre sedi, consigliamo ai genitori di dialogare con i figli, per poterli controllare o guidare nella navigazione. I minori sono ad alto rischio adescamento, soprattutto attraverso i social network, che frequentano in età troppo precoce. Ci sono bambini che aprono il proprio profilo a 9 anni - fa notare il vice questore aggiunto - ma per facebook, ad esempio, è vietato farlo prima di aver compiuto 13 anni''. ''E' però un dato incoraggiante - segnala la responsabile del Centro nazionale antipedofilia sulla rete - il fatto che è aumentata la capacità di denuncia da parte dei genitori e degli stessi ragazzi. Oggi - conclude - è anche più facile raggiungerci e sporgere denuncia: siamo in tutti i capoluoghi di regione e provincia, ma si può interpellare la Polizia Postale anche sul web, sul sito della Polizia di Stato, Commissariato di polizia online''.  (Adnkronos)
11/10/2011 06:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.