Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Arriva sul web “The Post Internazionale” con una redazione di under trenta
Una redazione di under trenta, inchieste, reportage, foto e video per raccontare fatti e storie da tutto il mondo. Arriva sul web “The Post Internazionale”, giornale on line di approfondimento politico di Giulio Gambino.
Testimonial per il debutto Eugenio Scalfari e Lucio Caracciolo intervenuti alla presentazione della testata ieri sera a Roma. “Il giornale – spiega Giulio Gambino, 25 anni, fondatore e direttore – nasce da un gruppo di amici che hanno un progetto in cui credono molto, quello di raccontare i fatti in maniera schietta e diretta. Si tratta di un obiettivo ambizioso, e tutti ce lo fanno notare – osserva ancora – ma noi vogliamo fare un giornale completo e innovativo che racconti il mondo in modo chiaro e sintetico e questo va oltre una semplice esperienza”. The Post Internazionale si avvale della partnership di “Limes”, la rivista italiana di geopolitica diretta da Lucio Caracciolo. “C’e’ il gusto per la precisione, una virtu’ rara oggi e l’obiettivo di raccontare le cose trascurate dai media, può voler dire fare archeologia del presente ma anche fare emergere la realtà – osserva il direttore di Limes, ricordando come “la primavera araba letta dai media attraverso le manifestazioni di una piazza nascondesse i segni di un autunno che la concentrazione mediatica aveva nascosto”. Sostegno all’impresa da Eugenio Scalfari che ha ricordato come nel 1955 avesse fondato “L’Espresso” con Antonio Gambino, nonno del giovane direttore di “The Post Internazionale”, e ha offerto una lezione di giornalismo ai giovani “barbari” redattori e lettori del giornale. (Agi)
 
 
08/11/2012 16:33
 
NOTIZIE CORRELATE
Che la carta stampata stia attraversando un periodo di forte crisi non è una novità. I nuovi dati ADS (Accertamenti Dati diffusione Stampa) relativi al mese di dicembre 2016 e messi a confronto con quelli di dicembre 2015 evidenziano però una notevole caduta in termini di diffusione media, con riferimento sia all’Italia che all’Estero.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
I diritti derivanti dalla libertà di stampa sancita dalla Costituzione, valgono anche per i periodici online che, dunque, non posso essere sequestrati in caso di notizie diffamatorie, al pari dei loro equivalenti cartacei.
Gennaio rivela dati positivi per il mondo del web, soprattutto nel comparto mobile che continua a prevalere sul fisso; inoltre, i portali di news tornano a crescere esplicitando la possibilità per il mondo editoriale di uscire dalla crisi a patto di sfruttare opportunamente il mezzo.