Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Ascolti radiofonici, Audiradio: Diari addio, si ritorna al metodo Cati
Come documentato da questo periodico agli inizi di luglio, la decisione da parte del cda di Audiradio di accantonare il metodo di rilevazione Diari era già stata presa.
Poi c'è stata l'estate e tutto è rimasto congelato ma, nel consiglio d'amministrazione che si svolgerà il prossimo 6 settembre, potrebbe essere ufficializzata.  Da quest'anno Diari aveva preso il posto di Cati, il metodo tradizionale che  rilevava gli ascolti attraverso interviste telefoniche su un panel rappresentativo. Diari, che si basa su questionari compilati giornalmente su supporti cartacei, aveva da subito fatto intravedere alcune pecche, piccole ma significative disfunzioni, come la scarsa rappresentatività del panel, troppo proteso, secondo alcuni, verso un target femminile e più anziano, oppure la cadenza trimestrale della comunicazione dei dati, che aveva messo in crisi gli investitori pubblicitari. Da qui la scelta di un ritorno al passato, nonostante gli ingenti investimenti fatti sulla nuova metodologia. In realtà, si era pensato a un'ibridazione dei due strumenti ma, nei giorni scorsi, secondo quanto riportato da ItaliaOggi, è arrivato il no di uno degli studiosi più autorevoli della materia, Giorgio Marbach, docente di analisi di mercato presso la facoltà di statistica dell'Università Sapienza di Roma e già più volte consulente di Auditel e Audiradio. Secondo il professor Marbach, che pure ha individuato nei Diari alcuni vizi di fondo nella rilevazione degli ascolti nel giorno medio, questi e Cati non sarebbero sovrapponibili. Nel cda previsto per il prossimo 6 settembre e presieduto da Vincenzo Vitelli, dovrebbe, perciò, essere annunciato il ritorno al vecchio metodo per quanto concerne la rilevazione degli ascolti nel giorno medio e nei sette giorni, lasciando ai Diari i soli dati inerenti i 14, 21 e 28 giorni. Servirà per tranquillizzare gli investitori pubblicitari e ridare nuova linfa al mercato? (L.B. per NL)
01/09/2010 12:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.
"RadioMediaset, alla prima rilevazione dopo il suo debutto nel mondo delle radio, si conferma Gruppo radiofonico leader. Lo attesta l’analisi disponibile oggi dei quarti d’ora riferiti al I semestre 2016 confrontato con il pari periodo del 2015 (RadioMonitor)".