Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Ascolti radiofonici: quando la Radio diventa sempre più televisiva

La radio in tv paga: eccome se paga, come dimostra la premiazione da parte di Radio Monitor delle emittenti radiofoniche nazionali che hanno uno sbocco televisivo.
Prova ne è che se si togliessero le contribuzioni dell’ascolto attraverso tv (in prevalenza DTT) dal dato complessivo, molte distanze tra i competitor si colmerebbero. Per comprendere la valutazioni anzidette, si assumano i dati del 1° semestre 2016 nella sezione ascoltatori per device, con riferimento alla colonna totale ascoltatori radio (35.611.000) posta in relazione agli ascolti “via tv”. Lì troviamo sul podio RTL 102,5 con 922.000 su 6.996.000, cioè una incidenza di oltre il 13%. Segue Radio Italia, con 497.000 ascolti su 4.446.000: più dell’11%! Per m2o l’incidenza è quasi del 9% (138.000 su 1.581.000), poco più di Capital (8,3%, totalizzando 138.000 su 1.655.000), mentre per Deejay pesa il 4,3% (208.000 su 4.849.000) come R 101 (73.000 su 1.686.000). Poco rilievo (2,3%) per Kiss Kiss (46.000 su 1.991.000) e contribuzione insignificante invece per Radio 105 (poco sopra il 2%, con 101.000 su 4.647.000), RDS (idem, con 94.000 su 4.618.000), Virgin Radio (peso specifico dell’1,5%: 34.000 su 2.364.000), Radio 24 (meno dell’1%: 17.000 su 2.011.000), RMC (1,3%, 15.000 su 1.149.000). Buona visione. (M.L. per NL)
16/09/2016 15:51
 
NOTIZIE CORRELATE
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Il rapporto Nielsen ci consegna un quadro molto chiaro nel mercato degli investimenti pubblicitari in Italia con una crescita relativa ai primi nove mesi dell’anno del 4,3% trainata principalmente da web e tv.
Ottimi risultati per la televisione italiana, che continua a segnare notevoli riscontri anche in agosto, con un +3,6% di raccolta pubblicitaria sullo stesso mese del 2015 e un tendenziale +7,8% nei primi otto mesi del 2016 sul periodo omologo del 2015.
Ancora segno positivo per il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia: a luglio l’incremento è del 2,9% e del 3,4% nei primi sette mesi dell’anno (rispetto al periodo omologo del 2015), per un aumento di 124mln di euro.
Un elemento purtroppo scarsamente portato alla luce in sede di disamina dei dati sull'ascolto radiofonico in Italia, come misurato da Eurisko attraverso l'indagine Radio Monitor, è quello della suddivisione per device (cioè i diversi strumenti per la ricezione del contenuto).