Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Ascolti TG1, la RAI precisa e corregge
La Vice Direzione Generale per il Coordinamento dell’Offerta precisa che "nel mese di agosto 2010 il TG1 delle 20:00 ha incrementato l’ascolto di 471 mila telespettatori rispetto al corrispondente periodo del 2009".
"Nello stesso periodo si rileva una flessione di 355 mila telespettatori per il TG5 delle 20:00 e una crescita di 321 mila del TGLa7 diretto da Enrico Mentana", continua la nota della concessionaria pubblica. "Nello stesso mese di agosto 2010, nell’edizione delle ore 20:00, il vantaggio del TG1 rispetto al TG5 è stato pari a 8,4% punti di share: si tratta del maggiore distacco tra i due telegiornali nelle performance mensili dal 2000, senza contare il mese di luglio 2006 che grazie all’effetto “Mondiali di calcio”, vinti dalla Nazionale italiana, ha registrato un vantaggio ancora maggiore. Nel corso del 2010 gli ascolti del TG1 delle 20:00 hanno superato quelli del TG5 in tutte le serate, nessuna esclusa, realizzando un primato che non si verificava dal 1999. Nel periodo 30 agosto - 9 settembre 2010, rispetto allo stesso arco temporale dell’anno precedente, il TGLa7 diretto e condotto da Mentana è cresciuto di 1 milione 256 mila telespettatori. In questo scenario, nello stesso periodo di analisi, il TG1 ha registrato una crescita di 100 mila telespettatori, mentre il TG5 ne ha persi 672 mila", conclude il comunicato.
10/09/2010 20:54
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.