Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
ASR: Governo intervenga subito per evitare la chiusura di 100 testate con 5mila occupati. CGIL: tagli insopportabili. Sono la pietra
«Se sarà confermata la notizia che il milleproroghe non conterrà emendamenti per la definizione dello stanziamento a favore dell'editoria, occorrerà trovare subito la via di un provvedimento d'urgenza per coprire un buco altrimenti letale per decine di testate giornalistiche e qualche migliaia di posti di lavoro».
Lo annuncia il segretario della Federazione nazionale della stampa, Franco Siddi. «Ad oggi c'è da registrare la sospensione dell'attività di altre due testate cooperative per l'impossibilità di accesso al credito. Nell'elenco delle testate che chiudono ci sono Liberazione e L'informazione-Il domani, mentre per fine mese è annunciata la chiusura della Provincia di Piacenza e Cremona, c'è un piano di solidarietà per Il Corriere di Romagna e molti altri sono a rischio per l'assoluta indeterminatezza», sostiene Siddi. «Se il motivo dell'esclusione è solo tecnico - continua il segretario -, ovvero che non poteva trattarsi di una semplice proroga di provvedimenti esistenti - va trovata una soluzione diversa. Analogamente a quanto fatto per Radio Radicale, si può stabilire dal Fondo Letta una cifra per 2012. In ogni caso la misura è urgente quanto la nomina di un sottosegretario qualificato per editoria perchè possano essere sbloccate pratiche ferme solo per l'assenza del vertice. Su questi temi - conclude - la Fnsi è pronta alla massima collaborazione». (ANSA)
 
 
 
19/01/2012 08:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".