Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Audiradio: analisi critica del 6° bimestre 2009
Sono stati resi noti i dati Audiradio del sesto ed ultimo bimestre 2009.
Per la società che rileva gli ascolti radiofonici si conclude così un ciclo che comporterà per il nuovo anno ulteriori cambiamenti, a partire dall'estensione delle rilevazioni tramite panel-diari (da 2 a 4 annuali) ed al ridimensionamento dell'indagine telefonica Cati a 4 trimestri. Intanto, nel periodo intercorso tra il 31 ottobre ed il 18 dicembre non sono mancati risultati che hanno parzialmente modificato la classifica dei due mesi precedenti. Analizzando i risultati del giorno medio ieri, in testa si conferma Radio 1; con gli attuali 6.270.000 tuttavia perde ben 355.000 unità, parzialmente guadagnati da RTL 102.5, stabile al secondo posto ma con un guadagno di 140.000 contatti (da 5.394.000 a 5.534.000). Bimestre positivo anche per Radio Deejay, che aumenta il distacco da RDS e raggiunge quota 5.216.000 (+262.000). Lieve calo per il già citato network "100% grandi successi" (da 4.961.000 a 4.934.000) che tuttavia soffre anche dell'avvicinamento di Radio 105, oggi a 4.619.000 con un divario positivo di 238.000 unità. Sesto posto per Radio 2 che, in attesa di risultati relativi al nuovo palinsesto, ha chiuso l'anno fermandosi a quota 3.783.000 (-89.000). Segno negativo anche per Radio Italia Solo Musica Italiana (3.484.000, -149.000), la quale mantiene tuttavia una certa distanza dalle numerose emittenti che si assestano attorno ai due milioni. Capofila del gruppo è Radio Kiss Kiss con 2.158.000 (in perdita di 231.000 unità rispetto a settembre-ottobre), seguita dalla "sorella" (per la concessionaria pubblicitaria Mondadori) R 101 che cresce, passando da 1.965.000 a 2.005.000. In decima posizione si colloca Radio 3, anch'essa in perdita, come le prime due emittenti Rai. Nel sesto bimestre raggiunge 1.835.000 con un -253.000. A breve distanza Radio 24 (1.801.000, -206.000) e Virgin Radio (1.727.000, -16.000). Sale Radio Capital (1.559.000, +83.000) che supera Radio Maria (1.548.000, +17.000) e mantiene un divario positivo rispetto a Radio Monte Carlo (1.513.000, +46.000). Da sottolineare, tuttavia, la crescita anche delle stesse Maria e RMC rispetto al precedente bimestre. Unica emittente del gruppo Elemedia a fare un passo falso è m2o (1.237.000, -119.000), mentre Isoradio mantiene il trend negativo delle reti Rai perdendo 106.000 unità e passando da 988.000 a 882.000. A chiudere la classifica delle emittenti nazionali è Radio Radicale con 448.000 ed una lieve flessione pari a 17.000 contatti. Complessivamente, la chiusura dell'anno sembra aver invertito la precedente tendenza in crescita delle talk-radio, a vantaggio di musica e intrattenimento. Per Audiradio, il 2010 dovrebbe rappresentare una svolta significativa, che porterà alla rilevazione non solo dei 7-14-21 giorni, ma anche del giorno medio ieri, tramite panel-diari, per le emittenti che hanno aderito alla nuova indagine. (Nicola Franceschini per NL)
29/01/2010 14:49
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.
La radio in tv paga: eccome se paga, come dimostra la premiazione da parte di Radio Monitor delle emittenti radiofoniche nazionali che hanno uno sbocco televisivo.