Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Banda larga: Bernabé (Telecom Italia) incontra Calabrò (Agcom) ed assicura lo sviluppo della rete fissa e mobile
Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presieduto da Corrado Calabrò, ha ascoltato ieri l’amministratore delegato di Telecom Italia Franco Bernabè in merito al piano per le reti di nuova generazione fissa e mobile.
Nel corso dell’incontro Bernabè ha illustrato i piani del Gruppo sottolineando lo sforzo di Telecom Italia per lo sviluppo in parallelo di un’infrastruttura che potenzi la larga banda fissa e mobile. Bernabè ha sottolineato la volontà dell’azienda di investire in un’importante trasformazione della rete mobile e, di pari passo, a partire dalle grandi città, di sviluppare la rete in fibra. Al termine dell’incontro il presidente Calabrò ha dichiarato: “Gli investimenti per lo sviluppo dell’infrastruttura broadband sono una priorità per lo sviluppo del Paese come ho da sempre sostenuto. Nel luglio scorso avevo lanciato un segnale di allarme sullo stato della rete mobile a fronte della crescita vertiginosa del traffico. La notizia che la velocità di accesso alla rete mobile sarà portata a 21 Mbit/s entro l’anno, a 42 Mbit/s entro il prossimo e, con la tecnologia LTE, fino a 100 Mbit/s unita all’annuncio della trasformazione della rete di backbone da rame in fibra ottica, è molto importante e rappresenta un passo nella giusta direzione per offrire ai cittadini una rete mobile di qualità. In prospettiva – ha aggiunto Calabrò - servono più frequenze, ma gli investimenti annunciati vanno nella giusta direzione. Per quanto riguarda la rete fissa prendo atto che, dopo tanti annunci, finalmente siamo di fronte ad un dato concreto. L’Autorità ha all’ordine del giorno del proprio Consiglio di domani l’avvio di un percorso innovativo di regolamentazione alla luce della Raccomandazione europea approvata la scorsa settimana. La nostra direzione di marcia sarà di favorire l’infrastrutturazione del Paese e lo sviluppo di un’offerta di servizi veramente concorrenziali”.
23/09/2010 09:04
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.