Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Banda larga. Italia fanalino di coda a livello internazionale. Il paradosso dei dati OFCom
Con riferimento al rapporto britannico redatto da OFCom (Independent regulator and competition authority for the UK communications industries), citato ieri da questo periodico, è necessario fare qualche precisazione anche in relazione ai dati raccolti dalla Said Business School dell'Università di Oxford, in collaborazione con l'Università di Oviedo.
Infatti, abbinando i due report si evince effettivamente che l’Italia è senza dubbio il primo paese per l’utilizzo di social network, nonché il leader a livello mondiale per la diffusione di smartphone e, più in generale, device mobili connessi alla rete. Quanto però potrebbe lasciare perplessi è che, almeno in riferimento all’utilizzo di community e network sociali, il nostro Paese è parallelamente il fanalino di coda, a livello internazionale, per la qualità della banda larga (quando si parla di qualità della banda ci si riferisce, almeno per quanto riguarda gli studi dell’Università di Oxford, alla combinazione di tre diversi fattori, ovvero la capacità di download, la capacità di upload e la latenza di una connessione; i criteri sono espressi in un unico 'Broadband Quality Score' per ogni paese – fonte: Repubblica.it). Insomma, navighiamo tanto (anzi, tantissimo), ma lo facciamo male (o meglio, con tecnologie ancore limitate). Il Belpaese si trova così al 26esimo posto: ciò significa non solo trovarsi in una posizione di sfavore rispetto a Corea, Svizzera e Stati Uniti (solo per citarne alcuni), ma anche in un punto di imbarazzante svantaggio nei confronti di paesi come Grecia e Romania, nei quali la diffusione della banda larga ha avuto già più successo che da noi. Si tratta evidentemente di un paradosso: siamo i più bravi (o per dirla in linguaggio mobile, i più smart) nell’utilizzo delle nuove tecnologie e dei nuovi dispositivi connessi al web, ma ne usufruiamo per lo più attraverso “tradizionali” connessioni Adsl, con un ampio digital divide che separa città e province, tanto quanto province e aree telematicamente ancora più disagiate (per lo più località montane o storicamente depresse economicamente). Si aggiunga inoltre che il wi-fi è un’alternativa ancora poco solida e scarsamente disponibile sicché tutti i dati riportati da OFCom, se pur verosimili, potrebbero ancora lievitare se nel Paese la situazione si sbloccasse. (M.M. per NL)
07/12/2010 14:21
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
Dopo la firma degli accordi di programma e delle convenzioni operative tra il Mise e le Regioni interessate è stato pubblicato da Infratel Italia Spa il bando di gara per la costruzione e gestione di infrastrutture passive per la banda ultralarga nelle aree bianche delle regioni Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento.
Il prossimo 14 luglio nell'ambito della Federal Communications Commission (FCC) verrà votata la proposta Spectrum Frontiers, con cui potrebbero essere assegnati alla tecnologia 5G fino a 14 GHz dello spettro radioelettrico.