Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Bioelettromagnetismo, sorpresa: le onde radio possono anche fare bene
Un trattamento per il ronzio alle orecchie, la riabilitazione di pazienti con malattie del midollo spinale, la ricostruzione di cartilagini e la "elettrochemioterapia" per il trattamenti di tumori ossei.
Sono solo alcuni dei filoni di ricerca che intende approfondire l'Associazione europea di bioelettromagnetismo (Ebea, European Bioelectromagnetics Association), riunita a congresso a Roma in questi giorni per illustrare gli ultimi risultati della ricerca sui campi elettromagnetici e per valutarne le possibili applicazioni diagnostiche e terapeutiche, oltre che i rischi per la salute. Durante la quattro giorni di lavori i maggiori esperti europei di bioelettromagnetismo, ovvero la disciplina che studia l'interazione tra campi elettromagnetici e sistemi biologici, si confronteranno sugli studi più recenti. Studi dai quali non sembrano emergere risultati che giustifichino le preoccupazioni connesse alla grandissima diffusione dei sistemi di comunicazione wireless. E' emersa piuttosto la tendenza a valutare gli effetti 'positivi' dei campi elettromagnetici: infatti, si sta rapidamente sviluppando un filone di ricerca che intende approfondire le opportunità offerte per la cura di diverse patologie. La ricerca italiana è rappresentata ai massimi livelli con esperti a capo di progetti internazionali o di organizzazioni scientifiche: la ricercatrice Carmela Marino, attuale presidente dell'Ebea, e Paolo Vecchia è presidente dell'International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection, organismo non governativo, formalmente riconosciuto dall'Organizzazione mondiale della sanità, incaricato di produrre le linee guida sui limiti di esposizione alle radiazioni non ionizzantI. (Adnkronos)
22/02/2011 14:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Tutto da rifare per il sito radioelettrico di San Silvestro, sulle alture di Pescara, postazione strategica per il servizio cittadino da decenni al centro di un braccio di ferro giudiziario e politico coi residenti che vogliono la delocalizzazione delle antenne.
Con sentenza depostata nello scorso mese di giugno Consiglio di Stato ha riconosciuto validi alcuni limiti fissati dai regolamenti comunali per l’utilizzo di siti già oggetto di insediamenti radioelettrici.