Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Cambiamenti nella concessionaria rtv pubblica: approvato il progetto di fusione di RAI con RAI Trade
Lo scorso 20 ottobre è stato approvato, su proposta del direttore generale Mauro Masi, il progetto di fusione tra Rai Trade e Rai s.p.a.
Questa operazione di finanza straordinaria, già oggetto di dibattito nella seduta del consiglio di amministrazione avvenuta il 28 luglio scorso, rientra tra i punti oggetto del Piano Industriale 2010/2012 il quale ha ricevuto nell’adunanza del 20 maggio scorso il voto favorevole di otto amministratori e un solo astenuto. Il piano si ripropone, tra gli altri, l’obiettivo di revisionare gli assetti societari attraverso una “ valutazione della collocazione di Rai Net e Trade…” nonché della società di distribuzione 01 in Rai cinema. Tuttavia dalla seduta del Cda Rai dei giorni scorsi non è emerso nulla riguardo l’approvazione di un progetto di fusione della stessa anche con la società responsabile della gestione dei progetti Web. Altro punto cruciale che desta non poche preoccupazioni è quello relativo ai conti Rai: il piano, infatti, conferma l’intenzione di raggiungere il pareggio dei conti entro la fine del 2012. Nonostante la raccolta pubblicitaria sia in crescita rispetto al precedente anno – come confermato dall’amministratore delegato di Sipra intervenuto alla seduta del 20 ottobre sopra menzionata – il buon esito dell’obiettivo prefissato dal Piano Industriale potrebbe essere a rischio. Il deficit di 116 milioni di euro previsto per l’anno corrente, difatti, potrebbe addirittura crescere di 120 o 130 mila euro anziché diminuire. Le difficoltà del gruppo derivano non tanto dai risultati relativi agli ascolti – che si aggirano, nei primi dieci mesi del 2010, sui 44 punti percentuali di share rispetto al 38% di Mediaset e 8 di Sky – quanto piuttosto dal grave colpo inferto alla raccolta pubblicitaria che stenta a crescere assestandosi su un +4 punti percentuali rispetto agli 8 realizzati da Publitalia (gruppo Mediaset). Inoltre, se si confrontano i risultati di ottobre 2009 si nota come nel 2010 vi sia stato addirittura un calo dei ricavi pubblicitari. (M.C. per NL)
25/10/2010 17:25
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.