Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Cdr Radiouno: mercato medium cresce mentre noi perdiamo ascolti e inserzionisti. E in molte zone l'emittente manco arriva col segnale
 
''Abbiamo deciso di scrivere questa inusuale lettera aperta perche' la tendenza al ridimensionamento dei nostri ascolti ci preoccupa molto: per la prima volta nella storia, nel primo semestre 2013 perdiamo addirittura il primato nella fascia 6.00-9.00.
I dati sono inoltre coerenti con il calo degli introiti pubblicitari, altra spia d'allarme. A questo declino vorremmo rispondere con una nuova sfida: arrivare al 2016 con una Radio che diventi agenzia di notizie, fonte di inchieste, laboratorio crossmediale. Il mercato radiofonico cresce e consente nuovi investimenti. Bisogna allora ritrovare la centralita' del progetto radiofonico che ci appare offuscata, non soltanto dalle difficolta' economiche delle quali ci rendiamo perfettamente conto. Ecco il perche' di questa lettera: vogliamo parlare del nostro futuro''. Questo l'incipit della lettera che il comitato di redazione di Radio Uno ha scritto all'azienda. ''Il modello 'All News' di Radio 1 non puo' sempre essere leader di ascolti - prosegue la lettera -. Ma e' una garanzia di servizio pubblico, se si avesse la determinazione di puntare sull'attualita' nazionale e internazionale. Per questo auspichiamo un progetto innovativo che sappia interessare le nuove generazioni, rispondere alle esigenze di informazione del mondo del lavoro e dell'intera societa', guardare oltre i confini di un insopportabile provincialismo italiano, fare approfondimento, aggiornare il 'sound' di canale. Ripensare cioe' il Palinsesto, anche in modo sinergico con quelli di Radio 2 e Radio 3''. ''Comprendiamo appieno le esigenze di bilancio - spiega il cdr - e lo abbiamo dimostrato con la nostra responsabilita' dopo il recente accordo sull'organico non ancora del tutto attuato. Ma permangono molte 'line' incomplete da anni. Infine - concludono - potremmo riuscire anche a fare la migliore Radio del mondo ma scoprire che in certe zone e' del tutto assente. Il miglioramento della ricezione del segnale previsto dal piano industriale e' per noi importantissimo''. red/gbt
25/10/2013 20:28
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.