Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Chiusura Audiradio. Conna: si sostituisca con Istat pagata con parte contributo Agcom. Basta a "odiosi favoritismi giocati dietro le quinte"
"Audiradio, quell’organismo che avrebbe dovuto rilevare i dati di ascolto della radiofonia finalmente è collassato e c’è da domandarsi come abbia potuto giungere ai nostri giorni insieme ad Auditel".
Se lo chiede l'associazione di radio locali CONNA che osserva che già nel numero di settembre 1988 sul periodico “Nuove Antenne” rilevava "quanto innaturali e pericolose fossero quelle organizzazioni private di rilevamento che ignoravano le radio anche se riportavano un massiccio ascolto, che non erano sottostate al pagamento di ingenti quote annuali di iscrizione". "Giungevamo poi a dimostrare, dopo esserci procurarti prove inconfutabili a garanzia di eventuali contestazioni giudiziarie, che alcune radio figuravano ai primi posti negli ascolti, senza che neppure avessero mai cominciato a trasmettere - continua l'ente esponenziale - Oggi, dopo l’annuncio della liquidazione, soggetti interessati direttamente all’esistenza di una Audiradio funzionale ai loro affari così come per tanti anni si era mostrata, si sono svegliati di colpo addossando alla Rai di aver prodotto uno stato anomalo che ha determinato la sua disintegrazione. La partecipazione della Rai, lo scrivevamo nel citato articolo del 1988, ebbe semmai la colpa di aver dato credibilità, avvallo ad un organismo che ne meritava ben poca. La legge 249/97 attribuisce all’Agcom all'articolo 1 comma undicesimo il compito completamente disatteso, di “...curare le rilevazioni degli indici di di ascolto e diffusione dei vari mezzi di comunicazione..”  "Ebbene - conclude il sindacato - forse questo è il momento adatto per definire una convenzione con l’Istat - eliminando odiosi favoritismi giocati dietro le quinte – sostenuta economicamente con una piccola parte dell’enorme somma incamerata dall’Agcom mediante la tassazione 1,8 per 1000 applicata ai ricavi complessivi di tutte le grosse attività editoriali".
24/06/2011 14:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.
"RadioMediaset, alla prima rilevazione dopo il suo debutto nel mondo delle radio, si conferma Gruppo radiofonico leader. Lo attesta l’analisi disponibile oggi dei quarti d’ora riferiti al I semestre 2016 confrontato con il pari periodo del 2015 (RadioMonitor)".