Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Cielo: Bruxelles ha dato l'ok. Ma l'autorizzazione ministeriale ancora non c'è. Mockridge: "Caro viceministro..."
Tom Mockridge, a.d. di News Corporation Stations Europe, content provider di Cielo, ha scritto al viceministro allo Sviluppo Economico Paolo Romani, sollecitando il rilascio dell'autorizzazione per la trasmissione sul DTT.
Nella lettera Mockridge (foto) evidenzia che il parere positivo di Bruxelles richiesto preliminarmente dal dipartimento Comunicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico e' arrivato gia' da una settimana; nondimeno la societa' (del gruppo di Sky), che aveva annunciato l'avvio dei programmi per il 1° dicembre, e' ancora in attesa del provvedimento di assenso all'inizio delle trasmissioni di Cielo sul network provider Rete A, vettore DTT del Gruppo L'Espresso. "Egregio Vice Ministro - si legge nella missiva - Le scrivo in merito alla procedura di approvazione per il canale ''Cielo'', oggetto del nostro incontro avvenuto nella mattinata di giovedi' scorso. In quell'occasione, Lei ha detto chiaramente che, su questa pratica di autorizzazione, i suoi uffici attendevano soltanto la risposta da Bruxelles in merito all'interpretazione degli undertaking firmati da News Corporation in occasione della nascita di SKY Italia. Ci risulta, come confermato dal suo ufficio, che questa interpretazione sia giunta al Suo Ministero giovedi' stesso, ovvero una settimana fa, e che la DG Competition abbia chiarito che gli undertaking non precludano a Sky Italia di operare sul DTT con un canale gratuito in chiaro, come sempre sostenuto dalla nostra azienda. Restiamo dunque in attesa di un vostro celere riscontro in merito a questa pratica, nell'interesse di una sana e trasparente competizione nel mercato televisivo italiano", conclude Mockridge.
 
10/12/2009 21:43
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Si schierano in favore dei loro colleghi di Sky i giornalisti della RAI che, stasera, durante tutti i Tg e Gr, leggeranno un “comunicato di solidarietà dei giornalisti Rai nei confronti dei dipendenti di Sky impegnati in una dura vertenza sindacale contro le ipotesi di esuberi e trasferimenti decisi dalla loro azienda”.