Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Cina vs. Google, Pechino blocca l'accesso alla ricerca su Dalai Lama
Le autorita' di Pechino hanno bloccato tutte le ricerche di Google collegate a temi sensibili come i dissidenti e il Dalai Lama, il leader tibetano in esilio.
Le ricerche in cinese su Google.hk, il server di Hong Kong dove la societa' di Mountain View ha trasferito le operazioni per sfuggire alla censura, rimangono inesorabilmente bloccate se si scrive la parola 'Dalai', se si cercano notizie su dissidenti come Liu Xiaobo e sulla setta religiosa Falun Gong o si vuole consultare il sito di Amnesty International. Inaccessibili anche tutti i siti che riportano la famosa foto dello studente che ferma un tank a piazza Tienanmen. Intanto gli Stati Uniti hanno affermato di non aver svolto nessun ruolo nel trasferimento a Hong Kong dei server in cinese di Google, ma hanno avvertito Pechino a valutare seriamente il suo significato. "E' stata una decisione presa da Google - ha affermato il portavoce del dipartimento di Stato P. J. Crowley - ma Pechino dovrebbe seriamente considerare le implicazioni se una delle istituzioni piu' riconoscibili del mondo decide che e' troppo difficile fare affari in Cina". Ricordando che Washington sostiene la liberta' su Internet, Crowley ha sottolineato che "le singole societa' giudicheranno sull'opportunita' d'investire in Cina". (Adnkronos)
24/03/2010 17:27
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
Sono almeno vent'anni che la Cina e le sue imprese si stanno rapidamente imponendo come protagonisti di rilievo nella scena mondiale.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.