Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
CNT-TPD: "E' guerra sul DTT". Grido d'allarme sulla potenza dei colossi
"Alle locali rimarrà al massimo il 5% delle risorse del sistema televisivo"
 
dal bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni Terzo Polo Digitale N. 5 del 07/02/2009
 
Il Corriere della Sera attacca il digitale terrestre affermando che impegna una tecnologia costosa, limitata, obsoleta, quindi meglio il satellite, quindi Viva Sky! Il sottosegretario Romani risponde enfatizzando i molti vantaggi del DTT. Il Corriere lapidariamente risponde confermando di ritenere più conveniente un’altra tecnologia digitale, e cioè il satellite, che non a caso Rai, Mediaset e La7 pensano di utilizzare con una loro piattaforma satellitare. Il tutto, ovviamente, contro Sky. Tra i due si inserisce l’associazione DGTVi, l’associazione che raccoglie i più importanti operatori e specificamente i monopolisti Rai e Mediaset, per polemizzare a sua volta e difendere le ragioni del DTT. Il CNT Terzo Polo digitale, l’associazione che raccoglie televisioni locali e reti nazionali indipendenti, come Retecapri, non intende assistere in silenzio a questo ridicolo balletto. La Televisione digitale via satellite è oggi monopolio assoluto e totale di Sky, di proprietà dell’editore Australiano-Americano Rupert Murdoch dopo la scomparsa di Stream-Tv e Tele+. In Italia, quindi, esiste un monopolio assoluto nella Tv satellitare che si chiama Sky, condizionando lo spettacolo, l’informazione e il costume che, ovviamente, nulla ha a che fare con la tradizione, l’esperienza e la cultura nazionale. Sky direttamente, e comunque attraverso la piattaforma satellitare controllata, è sostanzialmente il monopolista delle trasmissioni a contenuto pornografico. Il porno garantisce a Sky introiti da capogiro con costi irrisori e sfruttando una normativa che le impedisce di avere concorrenti su altre piattaforme perché inesistenti e con limitazioni perfino nei confronti delle trasmissioni a contenuto erotico, ma non pornografico. Sky, inoltre, ha beneficiato assurdamente dell’IVA ridotta del 10%, creando un inconcepibile ed ingiustificabile disparità di trattamento. Infine a Sky è consentito trasmettere pubblicità con altri sostanziosi ricavi, oltre agli abbonamenti ed all’acquisto di singoli programmi. Anche Rai cumula gli abbonamenti con la pubblicità, ma almeno dovrebbe svolgere la funzione di servizio pubblico. Sky – sostiene il CNT Terzo Polo Digitale - che servizio fa oltre quello di arricchire, in maniera disgustosa, Rupert Murdoch? Nel digitale terrestre invece, stiamo assistendo ad un progetto di concorrenza nei confronti di Sky, guidato da Rai e Mediaset che intendono riproporre nel DTT lo stesso duopolio pubblico-privato, che già ha fatto i ben noti danni nella tv analogica. Il monopolio nel digitale terrestre sarà ancora più asfissiante e devastante, perché Rai e Mediaset pretendono di avere 6 o più frequenze in digitale, e su di ognuna di esse trasmettere fino a 6 canali. Avremo nel DTT non meno di 30 canali Rai e non meno di 30 canali Mediaset, con un controllo sotterraneo ma sofisticato anche degli altri operatori. L’ultima chicca della Rai è quella di destinare uno dei canali digitali, che cioè può trasmettere 6 programmi diversi, a livello regionale. Avremmo un Tg3 moltiplicato per 6, e sarà questo il colpo di grazia per le emittenti locali. Il sistema televisivo italiano, dunque, poggia su un monopolista satellitare (Sky), su un duopolio nel digitale terrestre (Rai – Mediaset) e una sopravvivenza, solo formale e di facciata, per editori indipendenti e per tutto il sistema delle televisioni locali, con cui verrà lasciato al massimo il 5% delle risorse. Questa è la realtà, e il problema è sapere se esiste ancora qualcuno disposto a non subire questa violenza, e restituire un sistema di comunicazione pluralista e rispettoso delle identità locali.
09/02/2009 07:27
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).