Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Codice delle comunicazioni elettroniche. La FRT sul divieto di trasferimento delle frequenze: non si può ignorare situazione particolare italiana consolidatasi

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

19/01/2012 08:43
 

Problematiche vecchie e nuove viste da chi non è nel settore.

Io non sono un editore televisivo, quindi esprimo un opinione da osservatore esterno. Se però dico che in passato la normativa del settore radiotelevisivo è stata una giungla in cui ognuno per molto rempo faceva i propri comodi non penso di aver detto qualcosa di sbagliato. In passato si è sempre invocata una normativa che potesse mettere un po' di ordine nel caos, ma per vari motivi si è dovuta attendere l'Europa e un cambio di tecnologia epocale. Ora si sta facendo ordine e c'è inevitabile discontinuità tra il passato e il presente. Le frequenze sono risorse pubbliche date in concessione. Se in passato erano occupate e vendute come fossero di proprietà esclusiva oggi non deve essere più così. I diritti acquisiti tramite gli investimenti passati sono stati riconosciuti con l'assegnazione gratuita di mux a chi già deteneva frequenze, regalando di fatto qualcosa che vale teoricamente 6 al posto di ciò che valeva 1. Io, se oggi volessi fare l'operatore di rete, semplicemente non potrei farlo accendendo o comprando una frequenza come in passato. Quindi ora le regole sono cambiate. L'investimento si fa sull'infrastruttura, ed è questa al limite che potà essere venduta. Io emittente, se un domani volessi smettere di essere operatore di rete, dovrei restituire la frequenza allo Stato. Semmai lo Stato, nell'assegnazione della frequenza a un nuovo operatore, dovrebbe garantire il più possibile la continuità di esercizio promuovendo presso il nuovo assegnatario l'acquisto delle infrastrutture già in essere dal vecchio gestore e se possibile anche in travaso di dipendenti dalla vecchia alla nuova realtà. Non è semplice, servono norme ben fatte, e serve farle e non lasciare i soliti "buchi" che per convenienza di alcuni non vengono mai sistemati.

Bruno

NOTIZIE CORRELATE
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.
Con ordinanza n. 592/2017 del 09/02/2017 pubblicata il 13/02/2017 il Consiglio di Stato sez. VI, accogliendo l'appello cautelare promosso da un operatore di rete lombardo, ha sospeso la sentenza del TAR Lazio n. 09658/2016 in ossequio alla quale erano state apportate dal Ministero dello Sviluppo Economico variazioni alla graduatoria di revisione delle frequenze televisive locali della Regione Lombardia di cui alla determina pubblicata sul sito il 13/07/2015 e modificata in data 25/11/2015.
Attraverso la delibera Agcom 40/17/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha disposto la sospensione del processo di implementazione dei cambi programmati di risorse frequenziali previsti dei vigenti Piani nazionali di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo terrestre in tecnica digitale, nelle more della ripianificazione complessiva delle risorse destinate al servizio di radiodiffusione sonora e televisiva.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.