Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Commentario giurisprudenziale per il dibattimento penale

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

21/11/2011 08:12
 
NOTIZIE CORRELATE
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.
In questo volume, l'Avv. Letizia D'Altilia fornisce un quadro esaustivo ed accurato dei reati societari in materia di falsità alla luce dei più recenti interventi legislativi e giurisprudenziali.
L’opera di ampio respiro, curata da Giorgio Spangher (magistrato onorario del Tribunale di Sorveglianza di Trieste e giudice tributario della Commissione regionale del Friuli Venezia Giulia) e dai professori Antonella Marandola, Giulio Garuti e Luigi Kalb, è tesa a delineare in maniera esaustiva il fulcro del processo penale a distanza di 25 anni dall’entrata in vigore del nuovo codice e a seguito delle modifiche normative e degli orientamenti giurisprudenziali.
Fin dalle sue primordiali origini, la Chiesa si diede regole e statuti riguardanti la gerarchia, i riti liturgici e la catechesi, stabilendo di pari passo le normative atte a punire le condotte riprovevoli e lesive della comunione, messe in atto sia da chierici che da laici.
Con il Trattato di Lisbona - firmato il 13 dicembre 2007 ed entrato ufficialmente in vigore il 1 dicembre 2009 - e la configurazione di un comune "Spazio penale europeo" si sono aperti scenari inediti per il nostro processo penale.