Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Contributi editoria: salvi fino al 2012. Passa al Senato odg "provvidenziale"
Il Governo è impegnato a prorogare, almeno fino al primo gennaio 2012, l'entrata in vigore delle norme previste dalla Finanziaria 2010 che stabiliscono che i contributi per l'editoria spettano esclusivamente nel limite dello stanziamento iscritto sul bilancio della Presidenza del Consiglio, procedendo se necessario al riparto proporzionale dei contributi.
Lo prevede un ordine del giorno approvato l'8 febbraio 2010 dalla commissione Affari costituzionali del Senato al decreto legge milleproroghe. Lo stesso Ordine del giorno della Commissione, che sarà sottoposto all'esame dell'Aula, impegna il Governo «a presentare entro il 30 giugno 2010 un disegno di legge di riforma dei contributi all'editoria, finalizzato a introdurre norme di maggior rigore nei criteri di accesso e di assegnazione dei contributi». Tali norme devono essere finalizzate «a ridurre il fabbisogno necessario per far fronte a questo impegno di tutela del pluralismo e a ristabilire in modo pieno il carattere di diritto soggettivo ai contributi diretti all'editoria, garantendo al contempo una riduzione dei relativi oneri dello Stato». (fonte RADIOCOR)
10/02/2010 06:31
 
NOTIZIE CORRELATE
"Esprimo soddisfazione per l’approvazione da parte del Governo dell’ordine del giorno in favore delle tv locali”. E’ quanto ha affermato la senatrice Adriana Poli Bortone, cofondatrice di Grande Sud.
Non ci sono stati ''blocchi'' ai contributi al quotidiano 'Roma' per il quale sono state seguite le indicazione dell'Autorita' Garante per le Comunicazioni.
"Ripristinare i fondi per l'editoria, già ampiamente ridimensionati negli ultimi tempi". Lo chiedono le 188 testate che aderiscono alla Federazione italiana settimanali cattolici in una lettera inviata al presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi, ai sottosegretari alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta e Paolo Bonaiuti, e ai ministri dell'Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti, e dello Sviluppo economico, Paolo Romani, in merito ai tagli previsti dal decreto "Milleproroghe".
"Quasi un anno fa, con un vero blitz in sede di conversione del decreto Milleproroghe, furono soppresse le provvidenze all'editoria a radio e tv locali".
La soppressione delle provvidenze all’editoria relative alle spese sostenute dalle emittenti radiotelevisive per l’utilizzo dei servizi delle agenzie di informazione e la crisi economica generale spingono oggi le medesime agenzie a sviluppare nuove strategie commerciali.