Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Corriere.it raddoppia l’offerta su iPhone e smartphone di nuova generazione
Notizie a pagamento? Prima sull’iPhone, poi si studierà il modo per farle pagare anche su internet. Anche se, del resto, quanto si legge sull’iPhone o su qualunque altro smartphone di nuova generazione proviene dal web.
Quindi, abituare il lettore a pagare per avere news sul telefonino è solo un primo passo per riuscire a condurlo alla “consuetudine” dell’abbonamento online (aspetto dell’editoria che ci travolgerà molto presto, soprattutto a giudicare dalle scelte intraprese da alcuni grossi quotidiani telematici statunitensi). Per queste ragioni, Corriere.it ha recentemente rinnovato l’offerta per iPhone, per Blackberry e per la nuova piattaforma Vodafone 360. Le implementazioni riguardano, nello specifico, la possibilità di accedere alla totalità dei contenuti pubblicati su Corriere.it in formato mobile, dunque ridotto nelle dimensioni, ma altrettanto funzionale. Per fare ciò sarà sufficiente scaricare un’applicazione che consentirà di accedere al sito del giornale in modo gratuito per le prime due settimane; dopodiché rimarranno “free” le ultim’ora, le foto del giorno e i titoli in homepage. Tutto il resto si potrà consultare sottoscrivendo un abbonamento mensile di 4,99 euro, o trimestrale di 11,99 euro (dunque con uno sconto del 20%). Nel caso specifico di Corriere.it, sembra che l’applicazione per iPhone sia stata un successo, soprattutto a giudicare dai 50mila download avvenuti nel giro di pochi giorni. Attualmente il melafonino resta uno dei dispositivi mobili più utilizzato sul mercato, nonostante il prezzo non lo renda così popolare. Quanto invece ai contenuti a pagamento online, Corriere.it (come del resto LaStampa.it, LaRepubblica.it e IlSole24Ore.com), sta avviando una nuova strategia di mercato che caratterizzerà tutto il 2010, attraverso la quale si cercherà di avvicinare i lettori all’idea di pagare per leggere, come del resto si faceva (si fa ancora, per qualcuno) in edicola. (Marco Menoncello per NL)
26/01/2010 17:43
 
NOTIZIE CORRELATE
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
I possessori dell’iPhone da tempo lamentano l’impossibilità di ascoltare dal loro melafonino la radio FM (allo stato la piattaforma distributiva dei programmi radiofonici più utilizzata in tutto il mondo, con una penetrazione assolutamente imparagonabile a quella di altri carrier).
Dopo la cessione del gruppo Banzai della divisione media a Mondadori (fatta eccezione per il Post e Giornalettismo) la compagnia di Paolo Ainio torna a concentrarsi solo sull’e-commerce lasciando il mercato pubblicitario.
Ufficializzata la cessione di Banzai Media Holding a Mondadori per 45 mln; in ballo 24 mln di ricavi e 17 di utenti unici sui suoi portali online.