Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Costruire sistemi per la reputazione Web
Le recensioni dei prodotti di Amazon, il punteggio di feedback di eBay, il sistema di karma di Slashdot e le classifiche di Xbox Live sono esempi di sistemi di reputazione di successo che consentono ai siti web di gestire e di presentare con più efficacia i contributi degli utenti.
"Costruire sistemi per la reputazione web" è uno scorrevole testo edito da Tecniche Nuove (www.tecnichenuove.com) che insegna a progettare e sviluppare autonomamente sistemi di reputazione per i siti o per le applicazioni web. Gli autori, F. Randall Farmer  e Bryce Glass, sono esperti che hanno progettato le community di Yahoo! e di altri grandi siti. "Costruire sistemi per la reputazione Web" aiuta a porsi le domande fatidiche riguardo ai meccanismi nascosti e a capire perché questi siano cruciali per le aziende che guadagnano con i contenuti generati dall’utente e, a maggior ragione, per quelle che addirittura si basano su essi. Il testo è uno strumento indispensabile per gli architetti di sistema, i product manager, lo staff di supporto alla community e i progettisti di interfacce utente, ai quali spiega come dimensionare il sistema di reputazione affinché possa gestire un grande flusso di contributi degli utenti; come determinare la qualità dei contributi e conoscere il motivo per cui alcuni sono più utili di altri; come avere dimestichezza con diversi modelli che incoraggiano i contributi di maggior valore; come conoscere i trucchi della moderazione e il modo per escludere, subito e con efficienza, i contributi peggiori; come trovare chi contribuisce, invogliandolo a ritornare, come esaminare un caso di studio basato sullo sviluppo effettivo della reputazione presso i maggiori siti sociali, tra cui Yahoo!, Flickr ed eBay. In vendita ad euro 39,90.
07/10/2011 15:02
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Il prossimo anno porterà diverse novità nel settore digitale nell'Unione Europea. A partire dal 15/06/2017, i costi delle chiamate, dei messaggi e del traffico internet saranno uniformati in tutta l'Unione e per prevenire frodi e abusi verrà vietato l'acquisto di sim in paesi diversi da quello di residenza (paesi nei quali, ad esempio, si applicano costi d'acquisto inferiori).
Su oltre trecento dispositivi elettronici connessi a Internet - come orologi e braccialetti intelligenti, contatori elettronici e termostati di ultima generazione - più del 60% non ha superato l'esame dei Garanti della privacy di 26 Paesi.
Dopo i primi due mesi chiusi in positivi, il mer­cato pubblicitario torna a flettere. È quanto ha cer­tificato Fcp-Assointernet, che a marzo ha registrato un -1,4% per il comparto, con Web a -6,2%, Mobile a +135,4%, Tablet a +25,2% e Smart Tv/Console a +8%.