Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Crisi: Grecia; chiude la radio-televisione statale ERT
Con un atto legislativo che concede ai ministri la facolta' di procedere alla chiusura o alla fusione di Enti pubblici, il governo greco ha deciso oggi la sospensione dell'attivita dell'azienda radio-televisiva pubblica Ert (Elliniki Radiofonia ke Tileorasi) con il conseguente licenziamento di tutti i suoi 2.780 dipendenti.
La drastica decisione, che non manchera' di suscitare proteste e polemiche, e' stata annunciata dal portavoce del governo, Simos Kedikoglou, e rientra nell'ambito del programma delle privatizzazioni delle aziende a partecipazione statale, riforma considerata indispensabile dalla troika (Fmi, Ue e Bce) per continuare a garantire gli aiuti necessari al risanamento dell'economia greca. ''Le trasmissioni saranno interrotte a partire da questa notte - ha detto il portavoce -. In seguito sara' creato un nuovo e piu' moderno ente radiotelevisivo che non sara' piu' controllato dallo Stato e funzionera' con meno personale''. ''In un periodo di crisi in cui tutto il popolo greco sta sopportando grandi sacrifici si deve agire senza ritardi. Se vogliamo uscire dalla crisi - ha detto Kedikoglou -, dobbiamo lavorare nella trasparenza e senza sprechi''. La Ert - che e' sovvenzionata dallo Stato e anche da un canone che i cittadini pagano con la bolletta dell'elettricita' - ha un numero di dipendenti da tre a otto volte superiore a quello che dovrebbe, oltre a disporre di una vasta proprieta' immobiliare che non viene sfruttata al meglio. La Ert introita circa 300 milioni di euro l'anno e comprende cinque stazioni televisive (ET1, Net, ET3, Ert World e Ert HD), 29 radiostazioni, siti web, un settimanale, oltre all'Orchestra Sinfonica nazionale e l'Orchestra di Musica contemporanea. Non e' ancora chiaro quanti dipendenti saranno riassunti nel nuovo ente, ma il portavoce ha assicurato che coloro che perderanno il posto di lavoro saranno indennizzati mentre circa 700 di essi potranno andare in pensione anticipata. La questione della chiusura dell'azienda radio-televisiva statale e' destinata a mettere di nuovo a dura prova i gia' tesi rapporti tra i partiti della coalizione governativa dal momento che sia il Pasok (socialista) sia Sinistra Democratica si sono subito dichiarati contrari alla decisione del governo. (ANSA)
 
Secondo i giornali, il primo ministro Antonis Samaras (di Nea Dimokratia, centro-destra) ne aveva parlato ieri sera con i leader dei due partiti - Evanghelos Venizelos (Pasok) e Fotis Kouvelis (Sinistra Democratica) - ed entrambi si erano opposti alla misura che, tra l'altro, fa parte di quelle riforme che i rappresentanti dei creditori internazionali considerano una condizione 'sine qua non' per continuare a garantire al Paese l'aiuto finanziario necessario alla ripresa economica.
 
11/06/2013 19:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all'opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.
“Il digitale sta cambiando in profondità l’industria editoriale, ma non esistono soluzioni standard né business consolidati. Le culture sono diverse, le economie sono differenti. E i ricavi vengono ancora per il 90% dalla carta”.
Non si riprende la pubblicità sulla carta stampata, che a marzo registra un ulteriore calo del -4,4%. Il bilancio mensile negativo emerge dai dati dell’Osservatorio Stampa Fcp relativi di marzo raffrontati con il corrispettivo 2015.
Bene il generale il mercato degli investimenti pubblicitari nel mese di gennaio 2016: +2,5% rispetto allo stesso mese del 2015; percentuale che si traduce in 10,6 milioni in più.