Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Crisi Ucraina, offensive elettromagnetiche russe: oscurate o sostituite le trasmissioni locali in Crimea
Venerdì scorso, 8 marzo, un commando di uomini armati aveva occupato la stazione Black Sea Tv in Crimea e sostituito il segnale mandando in onda con quello di Russia 24, canale all news statale russo; poi la tv crimeana 'Chernomorsky' era stata oscurata da 'Rossia 24'.
Venerdì scorso, 8 marzo, un commando di uomini armati aveva occupato la stazione Black Sea Tv in Crimea e sostituito il segnale mandando in onda con quello di Russia 24, canale all news statale russo; poi la tv crimeana 'Chernomorsky' era stata oscurata da 'Rossia 24'.
Ad oggi in Crimea, le tv ucraine sono state praticamente tutte oscurate e sulle loro frequenze vengono trasmessi canali russi. Invece delle trasmissioni di 'Inter' ora c'e' 'Ntv'; al posto di '1+1' la televisione statale russa 'Primo canale'; in luogo del 'Primo canale' nazionale ucraino si vede 'Rossia Rtr'; 'Zvezda' (Stella) ha preso il posto di Stb; 'Canale 5' ha lasciato il posto alla russa 'Tnt', mentre sulle frequenze di 'Ictv' ora va in onda 'Tnv-Planeta'. Un attacco armato anche alla sede della tv Krim: la stazione tv è ora presidiata da miliziani e ancora da loro, i cosacchi. Una dopo l'altra, nuovi trasmettitori regionali oscurano i canali locali e ucraini che continuano pero' a rimanere visibili via cavo tramite l'operatore Triolan. La copertura del territorio della Crimea da parte della compagnia radiotelevisiva del Mar Nero è dell'84%. Intanto ieri, 9 marzo, una giornalista e due attiviste ucraine del movimento Euromaidan sono state fermate e portate via da uomini in uniformi militari, mentre entravano in Crimea dalla regione di Kherson. Una giornalista americana di Russia Today America, finanziata da Mosca, si è dimessa in diretta tv per protestare contro la politica russa in Ucraina. Liz Wahl ha spiegato ai telespettatori di "non poter lavorare per un canale finanziato dal governo russo e che assolve le azioni di Putin". La cronista ha raccontato di essere nipote di immigrati fuggiti dall'Ungheria durante l'era sovietica. "Sono orgogliosa di essere americana e credo nella diffusione della verità: è per questo che dopo la fine della trasmissione mi dimetterò", ha spiegato in diretta. (R.R. per NL)
 
10/03/2014 09:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Nuovi guai per il più importante motore di ricerca sul web, Google. Dopo i procedimenti avviati in Europa ed India, segue ora quello della Russia.
Alcune tra le più importanti case editrici tedesche (chiamando a raccolta anche imprese svedesi, danesi e italiane) hanno chiesto al presidente russo Vladimir Putin di rinviare di un anno il divieto per gli stranieri, di possedere più del 20 per cento della proprietà di media russi.
Mosca e’ irritata dall’ipotesi di creare nella Ue un canale di contro propaganda in russo, capace di trasmettere anche nelle repubbliche ex sovietiche legate a Bruxelles dalla partnership orientale (Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian).
La Russia ha battezzato la nuova operazione mediatica che opererà via radio e online, mirata a combattere la propaganda occidentale. L’obiettivo per il 2015 sarà trasmettere in 30 lingue da 34 paesi, con 800 ore di programmi giornalieri.
Stop ai programmi della CNN in Russia: entro la fine dell'anno la Turner Broadcasting System Europe Limited sospenderà le trasmissioni in onda dal 1993.