Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
D. Lgs. 15/03/2010, n. 44 - G.U. n. 73 del 29/03/2010 – trasmissione transfrontaliere

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

27/04/2010 08:33
 
NOTIZIE CORRELATE
L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto “decreto Romani”), ha approvato due Regolamenti concernenti rispettivamente la prestazione di servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su altri mezzi di comunicazione elettronica (in sostanza web-TV, IPTV e mobile TV), nonché la fornitura di servizi di media audiovisivi a richiesta.
La scorsa settimana l'Agcom ha approvato il regolamento riferito alle norme espresse dal Decreto Romani, emanato l'anno scorso dall'allora viceministro al fine di regolamentare e ristrutturare il panorama comunicativo e informativo italiano, dalla tv a internet.
La diffusione di brevi estratti di cronaca di eventi di grande interesse pubblico trasmessi in esclusiva da una emittente televisiva, anche analogica, potrà avvenire esclusivamente nell’ambito dei notiziari fino a 48 ore dalla conclusione dell’evento e non potrà superare i 90 secondi complessivi per ogni evento.
La fornitura di servizi di media audiovisivi a richiesta, anche a pagamento, potrà essere effettuata da società di capitali e di persone o da persone fisiche, previa presentazione all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazione di una dichiarazione di inizio attività, che abilita il richiedente a fornire i servizi dalla data della sua presentazione.
Con delibera n. 258/10/CONS, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha sottoposto a consultazione pubblica lo schema di regolamento relativo alla prestazione di servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su reti di comunicazione elettronica diverse da quelle via cavo coassiale, satellitari e terrestri.