Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Dalla pirateria all’archiviazione legittima di brani musicali: con Apple diventa possibile

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

12/06/2011 16:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Maxi sequestro del Tribunale di Roma 152 siti web che diffondevano via internet servizi “piratati” che consentivano all’utente della rete di assistere gratuitamente alla visione di film o di eventi sportivi.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.
I possessori dell’iPhone da tempo lamentano l’impossibilità di ascoltare dal loro melafonino la radio FM (allo stato la piattaforma distributiva dei programmi radiofonici più utilizzata in tutto il mondo, con una penetrazione assolutamente imparagonabile a quella di altri carrier).
E’ cresciuto del 21% il mercato discografico nel 2015; i supporti fisici in leggero calo ma ancora producono la maggior parte del fatturato. Sul digitale in discesa i download e boom dello streaming, soprattutto a pagamento.
La Guardia di Finanza ferma a La Spezia uno dei tanti servizi di IpTv illegali esistenti e già segnalati lo scorso mese da questo periodico; si stima che abbia prodotto guadagni per 50mila euro agli ideatori e perdite per mezzo milione agli operatori pay italiani.