Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DeAgostini: sempre più tv. Dal 18 marzo arriva DeaJunior. E il presidente Pietro Boroli dice: puntiamo alla cinquina
Sempre più ragazzi, sempre più tv e a breve un passo anche verso l’Est Europa. Così il colosso editoriale DeAgostini, conosciuto dalle generazioni precedenti per le sue collane di libri per ragazzi, si adatta ai nuovi mercati.
Il successo televisivo era già arrivato nel 2008, anno di creazione del canale satellitare DeaKids, format dedicato a ragazzi ma adatto a tutta la famiglia, che colleziona 15mila contatti giornalieri e 2 milioni annui di inserzioni pubblicitarie. Poi era arrivato DeaSuper, sempre per il satellite, che dal 18 marzo diventa Super! (con lo stesso target dedicato ai ragazzi dagli 8 ai 12 anni) e trasloca in chiaro sul digitale terrestre. Sempre dal 18 marzo la casa editrice inaugura anche un altro canale satellitare, dedicato ai bimbi in età prescolare (3-5 anni), visibile sul canale 623 di Sky,e che punta a replicare i grossi successi in termini di audience e inserzioni del suo fratello maggiore DeaKids. Il tutto, non dimenticando che DeAgostini è proprietaria anche del canale satellitare tematico Poker Italia 24 e della web tv DeaByDay, che collabora alla produzione di alcuni programmi fruibili su DeaJunior.  “Puntiamo ad avere un network di almeno cinque canali tematici sul mercato tricolore – spiega Pietro Boroli, Presidente di DeAgostini Editore Spa, al quotidiano ItaliaOggi – e vogliamo portare i nostri prodotti Kids nell’Est Europa, in particolare c’è interesse in Russia e in Polonia”. Un forte allargamento sul mercato televisivo, quindi, con doppia presenza sia sul satellite che sul digitale terrestre, con uno sguardo all’estero, in particolare all’Europa dell’ex blocco socialista, e per finire lo sfruttamento per la raccolta dei servigi di Mtv pubblicità, che per la prima volta si cimenta con il mercato pubblicitario per conto terzi. “Non c’è una strategia specifica di Mtv per diventare una concessionaria per terzi - fanno però sapere da Mtv – a DeAgostini noi daremo la nostra competenza nel creare eventi, iniziative speciali in un mondo 4.0”. (G.M. per NL)
14/03/2012 10:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).