Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Default di Berlusconi. Radio Popolare fa partire una class action contro di lui: ha impoverito il Paese
Settantacinque miliardi di euro, l’equivalente di tre finanziare, cento volte di più di quanto Fininvest era stata condannata in primo grado a risarcire De Benedetti.
È questo, secondo Radio Popolare e la rivista Valori – coadiuvati da Federconsumatori – il prezzo che l’ex Premier Silvio Berlusconi dovrà pagare agli italiani come risarcimento dei danni economici provocati dal suo governo negli ultimi tre anni. Più i danni di immagine, ovviamente. “Stiamo tirando un sospiro di sollevo solo perché all'estero non ci ridono più dietro”, commenta infatti Paola sul sito Causes, che promuove l’iniziativa. Gli organizzatori, invece, nella nota diffusa la spiegano così: “L'assenza di politica economica, la mancanza di credibilità internazionale di fronte all'Europa e ai mercati, l'anteporre gli interessi personali a quelli del Paese”. E ancora: “L’aumento dello spread tra Bund e Btp, dovuto alla decisione del premier di ritardare la propria uscita di scena, sono tutti elementi che hanno prodotto rilevanti costi aggiuntivi per la comunità”.  Gli italiani in questi anni si sono impoveriti – non certo solo a causa delle pur rilevanti sciagure provocati dal governo appena dimessosi – e ora vogliono che il capo dell’esecutivo più impopolare della Seconda Repubblica (nonostante nel 2008, quando stravinse le elezioni, era quello con la maggioranza più larga di sempre) restituisca loro quanto tolto. Può sembrare una bizzarra iniziativa pubblicitaria ma in passato casi del genere, non nel nostro Paese certo, sono riusciti a scucire molti milioni ai paperoni di turno. E poi la gente dev’essere davvero incazzata, a giudicare dai commenti che si leggono sempre sulla pagina di Causes. “Per non sentirmi chiedere di Berlusconi dico di essere di Lugano”, scrive ad esempio Francesca. “Per aver sensibilmente contribuito al peggioramento di metà della mia esistenza”, drammatizza Nadia, mentre Francesca è lapidaria: “Ci ha distrutti!”. “Perché mi fa vergognare di essere italiano” dice infine Massimiliano.  La raccolta firme per la class action aprirà domenica prossima a Milano alle 15, durante la giornata senza auto, e vedrà tre differenti ciclo-cortei partire da zone differenti del capoluogo lombardo, per poi convergere a Piazza del Cannone, dove saranno sistemati i banchetti. (G.M. per NL)
 
 
 
19/11/2011 07:45
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
Presentate il 18/01 a Londra le Linee guida di sviluppo Mediaset: atteso al 2020 un miglioramento dell'EBIT di 468 milioni nelle attività media italiane. Raccolta pubblicitaria 2016 in crescita del 4,0%.
Un nuovo comunicato stampa telegrafico della francese Vivendi annuncia il raggiungimento di quel 20% del capitale Mediaset che era l’obiettivo annunciato del gruppo solo tre giorni fa; adesso, la media company guidata da Vincent Bolloré, può entrare nel cda del Biscione.
Si fanno sempre più tesi i rapporti tra Mediaset e i francesi di Vivendi a riguardo della mancata acquisizione della pay tv Premium, querelle ormai approdata nelle aule giudiziarie.