Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale. Facebook, errore clamoroso: gonfiate le stime sui video. Publicis: è inaccettabile

Facebook nell’occhio del ciclone: sembra proprio che il social network abbia sovrastimato per ben due anni il tempo medio di visione delle pubblicità video sulla piattaforma.
E sicuramente palpabile è la tensione e lo sgomento degli inserzionisti pubblicitari. L’accusa giunge dritta dritta dal Wall Street Journal, che riporta la denuncia dell’agenzia pubblicitaria Publicis Media, la quale, nel 2015, ha acquistato pubblicità per i propri clienti per 77 mld di dollari. I conteggi avanzati da Facebook, secondo l'accusa, avrebbero sovrastimato i tempi di visione degli spot tra il 60% e l’80%. Nel dettaglio, le statistiche del social network non andavano a considerare le visualizzazioni degli spot inferiori alla durata di tre secondi, e di conseguenza si alzava la media complessiva delle visualizzazioni. Su queste premesse i clienti, basandosi sui calcoli errati, avrebbero acquistato i loro spazi facendo riferimento ad attese di ritorno inverosimili. Le proteste delle agenzie pubblicitarie sono giunte tempestivamente, chiedendo con forza un'analisi più approfondita. Per fare un paio di riferimenti, sia a Publicis Media, che ha acquistato pubblicità per conto dei propri clienti per 77 mld di dollari nel 2015, sia a GroupM, divisione di Wpp, sono state comunicate notevoli discrepanze. E la risposta del social network non tarda ad arrivare, come si evince da un post sull’Advertiser Help Center, servizio dedicato ai propri inserzionisti: “Abbiamo recentemente scoperto un errore nel modo in cui viene calcolata una delle nostre metriche video. Questo errore è stato corretto, non ha impatto sulla fatturazione e lo abbiamo comunicato ai nostri partner sia attraverso le dashboards di prodotto sia contattando i sales e gli editori. Abbiamo anche cambiato il nome della metrica per essere sicuri che fosse chiaro quello che misuriamo. Questa metrica è uno degli strumenti più utilizzati dai nostri partner per valutare le loro campagne video”. La spiegazione di Facebook, però, per Publicis non è sufficientemente esaustiva: “Ciò che è successo - denuncia l’agenzia nella lettera pubblicata dal WSJ – ancora una volta mette in evidenza la necessità assoluta di poter contare su un organismo indipendente di monitoraggio e verifica sulla piattaforma di Facebook. E’ inaccettabile che per due anni ci siano stati forniti dati inattendibili”. (S.F. per NL)
27/09/2016 14:06
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.