Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, caso mancata autorizzazione MSE a Cielo. Agcom: "Se c'è il diritto, e il diritto c'è, non alimentiamo dubbi"
Che Agcom fosse in vena di polemiche con il MSE-Com sulla vicenda Cielo (il programma di Sky per il DTT) lo si era capito dalla dichiarazione dell'altro giorno, quando il presidente Calabrò aveva sottolineato come l'Autorità l'autorizzazione alla News Corporation Stations Europe l'avesse data dopo 24 ore.
Chi voleva leggere in quelle parole un'annotazione all'operato sulla vicenda Cielo del dicastero che ha quale viceministro Paolo Romani, poteva agevolmente farlo. Ma con l'espressione odierna del commissario Agcom Roberto Napoli, resa nel corso di un intervento ad una tavola rotonda sulla rete di nuova generazione organizzata da Business International, anche coloro che non sono portati alla lettura tra le righe hanno rilevato l'evidenza di una forte bacchettata al Ministero dello Sviluppo Economico, già peraltro al centro di pesanti critiche sulla modalità di gestione dell'affaire Cielo. Certamente con tutte le cautele delle dichiarazioni ufficiali tra istituzioni, ma il richiamo c'è stato. "Grande rispetto per il ministero - ha detto Napoli riferendosi al mancato rilascio dell'autorizzazione per il programma di Murdoch da veicolare sul network provider Rete A (Gruppo L'Espresso) - ma sono passati 44 giorni da quando è stata fatta la richiesta. Non mi pare ci siano ostacoli di altra natura. Se c'è il diritto, e il diritto c'è, non alimentiamo dubbi". Come dire: ora basta, inutile attendere il 2 gennaio se i presupposti per mandare in onda Cielo sul DTT ci sono. Altrimenti si stimolano, a ragione, polemiche a sfondo politico. Di cui, in questo momento, l'ondeggiante Governo Berlusconi non ha proprio bisogno.
15/12/2009 17:28
 

44 giorni ??????????

Scusate,
 
ma dite davvero?
 
Perbaccolina ed io che pensavo che i tempi per i rilasci di autorizzazioni radio-tv erano vicino ai 2 anni.
 
Infatti nel 2000 l'autorizzazione a cambiare frequenza di transito tra 2 postazioni è arrivata dopo poco più di 400 giorni (quattrocento così non pensate ad un errore di battuta) dalla richiesta fatta il 20.12.1998.
 
Ma chi è stò Sky (Cielo) che ha così tanti santi in paradiso-terrestre da avere le autorizzazioni in così breve tempo?
Chiedete in giro i tempi per le varie autorizzazioni alle televisioni locali per non parlare delle radio locali.
 
E visto che ci siamo come mai non c'è "Garante" che gridi allo scandalo per i contributi radiotelevisivi già assegnati dal 2003 ed ancora non erogati benchè la legge preveda soli 6 mesi tra la domanda e l'erogazione?
 
Già ma mica sono Sky che gli metterà a disposizione il "Cielo"
 
Annunciazione - Annunciazione ... tra poco vedrete il "Cielo".
 
Ma non vi vergognate di buttare tutto in politica invece di pensare prima agli interessi dei piccoli e poi degli Magnanti?
 
Buona serata

TecnoRadio

Infatti è una vergogna!

Straquoto il commento precedente. Murdoch ha protestato perché l'autorizzazione non gli era arrivata pochi giorni dopo la domanda. Un'emittente locale manco si sognerebbe di pensare che una sua istanza trovi accoglimento prima di 60 giorni! Lui invece aveva già annunciato di andare in onda il 1° dicembre, quando aveva fatto domanda il 2 novembre! L'Autorità si è poi affrettata ad evidenziare che loro l'aut l'avevano data in 24 ore! A questo punto, propongo di fare altrettanto quando Autorità o Ministero non rispondono nei termini di legge, citando espressamente questo precedente. Se ciò  avvenisse in massa qualcuno potrebbe cominciare a riflettere...