Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, Dahlia Tv: nessun nuovo azionista per il gruppo con 21 milioni di rosso ma che confida in un roseo futuro
Nessun nuovo azionista per il gruppo Dahlia Tv. Rimangono solo gli svedesi di Airplus (91,5%) e Telecom Italia Media (8,5%), come confermato pochi giorni dall'a.d. Fabrizio Grassi.
Così, a meno di dieci giorni dalla chiusura del processo di accoglimento di eventuali nuovi investitori, Dahlia rimane con 21 milioni di euro di rosso nel 2009 e, nonostante le previsioni (solo due settimane fa si pensava che Unicredit o Urbano Cairo potessero diventare parte del gruppo), nessun nuovo investitore. Del resto non è facile essere disposti a giocare una partita che fin dall'inizio risulta molto complicata. Ed è vero anche che una start-up necessita di 3 o 4 anni per assestarsi, ma rimane il fatto che se nessuno, oltre ai due soci originari, è intervenuto economicamente significa che l'attuale scenario televisivo digitale offre (ancora) poca sicurezza e forse nessuna garanzia. Dahlia Tv però, pur avendo concluso un 2009 dove i ricavi per vendita di smart card e pacchetti (17,5 milioni) è risultato inferiore alle perdite, non si arrende e insiste in particolare sull'offerta sportiva: match in esclusiva di Sampdoria, Cagliari, Chievo, Cesena, Udinese, Lecce, Catania e Parma oltre a tutte le partite di serie B, il tutto coordinato giornalisticamente da Maurizio Biscardi e Massimo Caputi. Inoltre saranno trasmessi l'NFL (football americano), il rugby della Celtic League, la pallavolo femminile, il Nascar e la formula Indy. Tra i pacchetti risultano ancora i canali Explorer, Xtreme ed Extra, oltre all'offerta hard ed erotica che, diversamente da quanto si può pensare, non genera molto fatturato e, anzi, come spiegato dall'a.d. Grassi, sembra non essere più un vero e proprio business (probabilmente il mercato hard online funziona meglio). Quanto invece alla raccolta pubblicitaria, in mano a Cairo fin da febbraio dello scorso anno, si spera in un risultato migliore che arrivi almeno a sfiorare la quota di 3-5 milioni di euro, nella speranza di sanare quanto prima il rosso e poter ampliare, in modo competitivo, l'offerta televisiva. (M.M. per NL)
02/08/2010 06:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).