Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, Famiglia Cristiana: tele-mattanza che porterà alla scomparsa di 250 tv locali
La normativa sul digitale terrestre e' una ''tele-mattanza'' che portera' ad un ''nuovo massacro mediatico che, nel giro di poco tempo, portera' alla chiusura di circa 250 Tv locali. Quasi tutte di ispirazione cattolica''.
Lo denuncia in un editoriale Famiglia Cristiana, che si associa alla campagna lanciata da Avvenire, sottolineando che ''con la nuova normativa verranno fagocitate ed espropriate delle frequenze televisive. A vantaggio della telefonia e dei grandi network (Rai e Mediaset), che saranno 'omaggiati' di altri canali''. ''Al di la' dei dettagli tecnici ed economici, - scrive Famiglia Cristiana - due aspetti balzano all'evidenza. Autentici paradossi. Primo: il digitale terrestre propagandato come forma di pluralismo si rivela un'affermazione di monopolio. Una vera beffa anche per chi 'straparla' di federalismo, culture, dialetti, identita' del territorio. Tutto sparito e omologato. Prevalgono solo intese sottobanco e spartizione di potere. Con la sottomissione agli interessi del 'principe'. Il secondo aspetto riguarda quei politici che si accreditano come paladini del cristianesimo. E non comprendono l'importanza della democrazia, del rispetto delle istituzioni e del pluralismo di informazione''. Per il settimanale paolino, ''a parole si promuovono il pluralismo e la partecipazione di tutti. Nei fatti si legifera, furtivamente, a vantaggio dei grandi monopoli'', per questo l'Italia ''va indietro come i gamberi. Non c'e' classifica che non ci veda perdenti. Nel 2010, dalla categoria di 'Paesi con la stampa libera' siamo retrocessi a quelli dove la liberta' di stampa e' 'parziale'. Ci siamo allontanati dalle migliori posizioni dei Paesi del Nord Europa per fare compagnia a Corea del Nord, Turkmenistan, Birmania, Eritrea e Cuba''. ''Siamo stati declassati, tra le altre ragioni, - prosegue Famiglia Cristiana - per l'eccessiva concentrazione dei mezzi di comunicazione (pubblici e privati) sotto una sola guida. Situazione anomala a livello mondiale, che solo politici 'cortigiani' hanno avallato e continuano a giustificare. Con il risultato di una democrazia in sofferenza (qualche studioso, in merito all'Italia, parla gia' di regime di 'semidemocrazia'). E un'opinione pubblica silente e narcotizzata''. (fonte Asca)
10/08/2011 13:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.