Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, Lazio. Romani: ci saranno frequenze per tutti gli attuali operatori
La Federazione Radio Televisioni (FRT) riporta le tranquillizzanti parole del viceministro Paolo Romani tese evidentemente a sedare i timori degli operatori preoccupati delle voci che vorrebbero le risorse radioelettriche pianificate per il Lazio insufficienti per consentire alle emittenti esistenti di migrare ciascuna con un proprio mux (stimolando l'incubo di un utilizzo promiscuo dei multiplexer).
"Rispondendo alle domande dei giornalisti a margine della conferenza stampa sullo switch-over del Lazio il viceministro Paolo Romani ha dichiarato che a Roma e nel Lazio le frequenze saranno sufficienti a soddisfare le richieste di tutti i soggetti operanti nella regione", spiega il bollettino FRT. Che continua: "Romani ha comunicato che, pur non essendo formalmente ancora siglato nessun accordo, lo stato delle trattative in corso con la Francia e con il Vaticano lo inducono a essere certo sull’esito positivo delle stesse. Con la Francia l’accordo è stato raggiunto durante l’incontro della scorsa settimana tra lo stesso Romani e l’omologa francese Natalie Koschiusko Morizet. Con il Vaticano le trattative non sono ancora giunte a conclusione. La FRT prende atto delle dichiarazioni di Romani. E’ infatti ormai improcrastinabile la convocazione da parte dell’Agcom del Tavolo Tecnico per la ripianificazione delle frequenze al fine di scongiurare eventuali rinvii dello switch off di novembre e per consentire alle tv locali della Regione di poter pianificare gli investimenti sul digitale avendo la certezza delle frequenze loro assegnate". 
20/06/2009 17:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).