Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, LCN. FRT: luci e ombre nel regolamento Agcom
Il Presidente della FRT, Filippo Rebecchini, "pur prendendo atto che il provvedimento dell’Agcom sull’LCN è volto ad evitare la prosecuzione del caos della numerazione sul telecomando", non può che registrare "la dura opposizione delle tv locali, anche se non di tutte".
E ciò, spiega una nota della federazione, "anche per il metodo utilizzato: un sondaggio svolto sui canali digitali". Per Rebecchini a regolamentazione LCN dell'Agcom se non scontenta tutte le tv locali, certamente non trova l'appoggio di "quelle emittenti regionali che storicamente erano state posizionate dall’utenza sui numeri 8 e 9 del telecomando". Come ampiamente previsto da questo periodico, si va quindi verso un'impugnazione al TAR del provvedimento da parte dei big player locali, che di mollare i privilegi connessi alla presintonizzazione sui numeri 8 e 9 (in qualche caso addirittura sul 7) del telecomando proprio non ci sentono. E non condividono la scelta dell'Autorità di Calabrò nemmeno le tv locali minori che, per contro, si aspettano l'esclusione dal ristretto novero dei fortunati che occuperanno i numeri LCN da 10 a 19. Secondo la più parte degli editori, infatti, finire del segmento 71-99 del primo arco di numerazione equivarrebbe all'oscuramento totale. (A.M. per NL)
 
 
19/07/2010 16:23
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Nei processi, siano essi civili, penali o amministrativi, è spesso richiesto l’intervento di parti terze rispetto ai litiganti, utili a coadiuvare i giudici in diverse fasi del giudizio, come nel caso del Commissario ad acta, un funzionario pubblico nominato dal giudice amministrativo nell'ambito del giudizio di ottemperanza a cui viene conferito il compito di emanare i provvedimenti che avrebbe dovuto emettere un ente, che però si è rivelato inadempiente.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).