Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, LCN: le Regioni contro il piano di numerazione dell'Agcom
La Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e della Province Autonome, ha approvato oggi, all'unanimità, l'ordine del giorno presentato dalla presidente del Consiglio regionale della Sardegna Claudia Lombardo, con il quale si propone all'Agcom il ritiro della delibera con la quale si escludono le tv locali dal DTT.
Così il vicepresidente del Consiglio regionale Michele Cossa: "Il voto all'’unanimità espresso da tutti i presidenti delle Assemblee regionali d'’Italia -sottolinea ancora una volta la consapevolezza da parte delle Istituzioni dell'’importanza della emittenza locale su tutto il territorio italiano. Le Assemblee regionali hanno deciso di assumere un ruolo da protagonista perché non possono assistere impotenti a quello che di fatto, dopo la decisione dell'’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, potrebbe essere il primo atto di un processo di smantellamento delle emittenza locale”.
 
 
26/07/2010 17:13
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.