Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, numerazioni LCN: niente regolamentazione dalla P.A., nessuna autoregolamentazione. Si arrangi chi può
Se ne riparla dopo la gara per il dividendo digitale. O meglio, dopo la partenza delle cinque reti nazionali costruite sulle frequenze DVB-T assegnate a conclusione della gara stessa. Cioè, televisivamente parlando, tra un’eternità.
Ormai l’orientamento dell’Agcom (il MSE-Com si è chiamato fuori da tempo dalla deflagrante questione LCN) in tal senso è chiaro. L’art. 29 bis c. 10 dell’Allegato A alla delibera n 663/06/CONS prevede che “Nel disciplinare di cui al comma 6 l’Autorità stabilisce, altresì, sentite le parti interessate e tenendo conto delle abitudini dei telespettatori e delle esigenze di semplicità di uso dell’apparato di ricezione della televisione digitale terrestre la numerazione da applicare all’ordinamento automatico dei canali (LCN - Logical channel numbering) offerti su piattaforma digitale terrestre, indicando anche la numerazione che spetterà ai soggetti collocati nella graduatoria di cui ai successivi commi”, cosicché, onde evitare di far trovare agli assegnatari delle frequenze derivanti dal dividendo digitale una numerazione LCN già definita a livello amministrativo (con ciò determinando un’evidente disparità di trattamento per i nuovi entranti), non si può che attendere il quadro definitivo dell’assetto della tv numerica per regolare il sistema sotto tale profilo. Sennonché, abbiamo già scritto più volte, in Italia abbiamo una cultura giuridica insuperabile in tema di diritti acquisiti e di tutela delle situazioni di fatto, ragion per cui difficilmente l’equilibrio che inevitabilmente si sarà generato ora di allora potrà essere facilmente alterato (basti vedere cosa è successo dal 1975 ad oggi con le frequenze). Insomma, posto che tutti i tentativi di autoregolamentazione stanno andando, come del resto era prevedibile, a carte quarantotto (anche perché, come sempre, i big player propongono soluzioni ottimali solo per loro), varrà la legge suprema: chi primo arriva, meglio alloggia. E quelli cui interessava sono già arrivati.
25/10/2009 11:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Nei processi, siano essi civili, penali o amministrativi, è spesso richiesto l’intervento di parti terze rispetto ai litiganti, utili a coadiuvare i giudici in diverse fasi del giudizio, come nel caso del Commissario ad acta, un funzionario pubblico nominato dal giudice amministrativo nell'ambito del giudizio di ottemperanza a cui viene conferito il compito di emanare i provvedimenti che avrebbe dovuto emettere un ente, che però si è rivelato inadempiente.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).