Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: primo via libera UE a Sky
Primo via libera europeo a Sky sul digitale terrestre. La Direzione generale Concorrenza della Commissione Europea ha in programma oggi una riunione che molti operatori televisivi definiscono importantissima.
E, secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, dal summit blindatissimo del pool di funzionari che fa capo alla struttura guidata da Joachin Almunia arrivera' un si' di massima alle richieste di NewsCorp, ovvero una riduzione del divieto a operare sulla piattaforma televisiva che di fatto entro il 2011 sostituira' completamente il vecchio sistema analogico. Questo passaggio e' solo un primo step della complessa procedura che dovrebbe portare a un via libera definitivo per Rupert Murdoch & C. che prevede, nell'ordine, un parere (conforme o meno a quello degli uffici) del commissario alla concorrenza Almunia, una consultazione tra i diversi gabinetti della Commissione e, infine, l'approdo della bozza di decisione nel Collegio di tutti i commissari che, di fatto, puo' anche ribaltare la decisione della Direzione Generale. Un cammino complesso ma che, secondo molti osservatori, sarebbe comunque in discesa per Sky. Il si' di Bruxelles a Sky. Il semaforo verde e' destinato a creare una piccola rivoluzione nel mercato televisivo italiano ed e' fortemente osteggiato da Mediaset, Rai e dallo stesso governo italiano (il viceministro alle Comunicazioni, Paolo Romani, per ribadire le proprie posizioni ha in programma di incontrare nuovamente Almunia proprio in questi giorni), perche' rischia di uccidere nella culla un mercato ancora nascente: sono troppi gli ostacoli, questo il ragionamento dei network italiani, che con l'arrivo di un gigante come Sky sul digitale verrebbero a porsi sulla strada della nuova organizzazione televisiva. E piu' stretti sarebbero anche gli spazi per dividere la torta pubblicitaria e per le decine di piccole televisioni che gia' oggi hanno problemi di sopravvivenza. (M.F. Dow Jones)
21/04/2010 13:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.