Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, pubblicità: Cairo concessionaria di Dahlia TV
Cairo Pubblicità, società del Gruppo Cairo Communication, e Dahlia TV hanno stipulato per il 2010 un contratto di concessione in esclusiva per la raccolta pubblicitaria sui cinque canali digitali a pagamento Dahlia ed il sito www.dahliatv.it.
Lo si legge in una nota. Il contratto, che non prevede corrispettivi minimi garantiti per l'editore, si rinnoverà automaticamente per un ulteriore biennio al raggiungimento di obiettivi di ricavo concordati. La sottoscrizione del contratto di concessione segna l'inizio di una partnership con un gruppo editoriale giovane e dinamico che propone un'offerta di canali tematici a pagamento dai contenuti innovativi e spettacolari per il digitale terrestre, mercato che sta registrando una forte crescita in termini sia di penetrazione che di share. (Teleborsa)
 
 
 
26/01/2010 11:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).