Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: Romani in Trentino per il prossimo switch-off. Intanto si sta completando il Piemonte occidentale. E arrivano i primi ricorsi al TAR
"L'Alto Adige fa scuola per quanto riguarda la tv digitale terrestre", almeno secondo il viceministro del MSE-Com, Paolo Romani intervenuto a Bolzano, assieme al governatore Luis Durnwalder, in prossimità dello switch off che vedrà l'Alto Adige abbandonare la tv analogica tra il 28 ottobre e l'11 novembre.
La curiosa affermazione di Romani è, in realtà, da porre meramente in relazione alla presenza della Azienda speciale Ras che diffonde i segnali della tv austriaca e di alcune emittenti tedesche e svizzere già da qualche tempo in digitale. Entusiasmo molto da ridimensionare, quindi. Intanto si sta concludendo lo switch-off nel Piemonte occidentale, dove fino al 6 ottobre la migrazione toccherà la provincia di Torino nord-occidentale, dalle valli di Lanzo al Canavese occidentale, mentre dal 7 al 9 ottobre sarà interessato il Canavese orientale, con le pianure di Torino e di Cuneo. E le cose lì, come supposto dall'inizio, non vanno affatto bene, poiché, a parte i malumori degli editori locali  che hanno visto sacrificati spazi essenziali per i secondi multiplexer di cui sembra qualcuno avesse diritto (un ricorso al TAR è sicuro, ma probabilmente ve ne saranno altri) e la questione dei numeri LCN, che in Piemonte ha già fatto scorrere diverse diffide e controdiffide tra emittenti utilizzatrici della stessa numerazione (con probabile deriva giudiziaria in sede civile), pare che ci siano intere comunità montane e molti comuni sul piede di guerra a seguito dell'oscuramento di impianti minori disattivati o trasmettitori ex art. 30 D. Lgs 177/2005 divenuti, secondo una certa intepretazione, illegittimi e quindi costretti all'inattività. Tanto che si mormora (come avevamo ipotizzato su queste pagine poche settimane fa) di un MSE-Com che stia correndo in tutta fretta ai ripari per poter rilasciare autorizzazioni agli enti locali per il ripristino della funzionalità dei microimpianti (chissà poi perché, visto che l'art. 30 D. Lgs 177/2005 è pienamente vigente, sicché ci sarebbe ben poco da elucubrare...). Una gestione della vicenda, da parte di MSE-Com e Agcom (che in tanti pasticci digitali ha la sua bella responsabilità), che, al di là dei sorrisi di facciata, sta facendo venire un fegato così a diverse persone di Viale America 201 (e non solo lì). Figuriamoci cosa succederà, con tali premesse, quando saranno toccate dallo switch-off aree radioelettricamente esplosive come la Campania, il Lazio e, soprattutto, la Lombardia (con il Piemonte orientale e la provincia di Piacenza). E intanto si inizia a riflettere sugli effetti nel lungo periodo che la digitalizzazione avrà sull'audience.
03/10/2009 12:01
 

Digitale terrestre in Trentino: quanta demagogia!

Si apprende che, su oltre cento siti di trasmissione presenti in provincia di Trento, sia Rai che Mediaset  trasmetteranno in dvbt  solo un  mux da circa l'ottanta per cento dei siti (rai in mfn gli altri in sfn ) cosi' come da contratto di servizio. Due emittenti locali sono pronte a partire con un mux ciascuna su quasi tutto il territorio, altre emittenti extra provinciali, quattro o cinque, trasmetteranno a macchia di leopardo solo in alcune zone coincidenti con i centri maggiori  Vale a dire che  solo nei  centri maggiori gli utenti potranno vedere come promesso dalla pubblicità tanti canali, gli altri ,utenti di serie b, vedranno molti meno canali di adesso e dovranno dotarsi di parabola e nuovo decoder per vedere tivusat-pay tv, cosi' come consiglia una campagna pubblicitaria partita in sordina. Domande: gli utenti di serie b che faranno dei decoder acquistati in febbraio magari con contributo statale se in pratica non servono a niente. Era meglio comprare uno zapper? Qualcuno ha piu' sentito parlare della famosa interattività tanto sbandierata?
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).