Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: salta il tavolo tecnico dell'AT3. Le emittenti locali per protesta contro la revisione del PNAF abbandonano i lavori
Il tavolo tecnico dell'Area Tecnica 3, iniziato questa mattina verso le ore 10,00 in Via Rieti a Roma, è stato abbandonato da tutte le tv locali aderenti alle associazioni Aeranti-Corallo e FRT (quindi, in pratica, la totalità delle tv presenti) intorno alle ore 12.00, in segno di protesta contro il mancato riconoscimento delle richieste avanzate.
La motivazione della protesta delle tv locali risiede nel fatto che Agcom, in sede di riesame del Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze (Del. 300/10/Cons) ha destinato agli operatori nazionali (esistenti e nuovi entranti) alcune risorse radioelettriche coordinate a livello internazionale precedentemente riservate alle tv areali. Le modifiche apportate alla precedente pianificazione da Agcom, secondo la prospettazione delle emittenti locali, hanno privato queste ultime di risorse di qualità che avrebbero consentito la migrazione dalla tecnologia analogica a quella digitale con la salvezza dei diritti e soggettivi e degli interessi legittimi posseduti dagli operatori non nazionali. Interrotta la concertazione, a questo punto la palla passa ad Agcom che, nell'ambito dell'approvazione della delibera successiva al tavolo tecnico, dovrà decidere se accogliere o meno le istanze delle tv locali presentate prima del consesso e reiterate in occasione dello stesso. Nel primo caso, cioè qualora le risorse escluse dalla rinnovata pianificazione venissero reintrodotte, la migrazione potrebbe procedere come da programma (salve le singole insoddisfazioni che saranno oggetto di impugnazione al TAR Lazio). Nel secondo caso, è elevato il rischio di una pioggia di ricorsi giudiziari muniti di istanze cautelari di sospensione dei provvedimenti pianificatori dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Con effetti assolutamente imprevedibili sullo switch-off. (A.M. per NL)
 
07/09/2010 12:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.