Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: scatta in Lombardia e Piemonte orientale l'allarme art. 30 D. Lgs. 177/2005
Lo Stato pretende il versamento del canone Rai, perciò deve garantire la fruizione del servizio televisivo in tutte le aree del Paese, anche quelle montane, dove il passaggio dall’analogico al digitale comporta maggiori difficoltà”.
Il leghista Davide Caparini, segretario di presidenza in commissione di Vigilanza Rai, raccoglie l'allarme di rischio black-out per le valli laterali di Lombardia e Piemonte orientale (ma anche di Emilia-Romagna, Veneto e Friuli) lanciato da questo periodico qualche settimana fa e già ripreso dal presidente della Regione Friuli Venezia Giulia. E lo fa supportando l’istanza avanzata oggi dall’Uncem, che ha chiesto al governo di “non sottrarsi alla necessità di garantire pari opportunità di trattamento anche ai residenti delle aree montane, intervenendo se necessario con opportuni incentivi economici”. Quel che si vuol evitare è la ripetizione del disastro delle valli di Cuneo (territori illuminati pressoché unicamente da impianti analogici di enti locali che non potevano, per problemi amministrativi, essere convertiti in DTT il giorno dello switch-off), che l'anno scorso in questo periodo - nonostante i numerosi avvertimenti lanciati per tempo - aveva comportato un prolungato oscuramento tv di vasti territori decentrati dal punto di vista della diffusione tv. “La copertura televisiva - ha spiegato Caparini in una nota - deve essere assicurata in ogni zona; nei casi estremi, se non con il digitale terrestre, almeno con l’installazione del satellitare gratuito, come del resto prevede un ordine del giorno presentato dalla Lega Nord alla Camera dei deputati”. (A.M. per NL)
12/10/2010 20:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).