Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: switch-off complicato nell'AT3. Decine di conflitti LCN e molti canali inattivi. Utenti infuriati, operatori preoccupati
Che non sarebbe stata una passeggiata si sapeva, ma quel che sta succedendo in queste ore nelle province interessate dall'epocale switch-off della parte demograficamente più rilevante dell'Area Tecnica 3 supera le più pessimistiche previsioni.
Alle 16.00 di oggi nelle province di Milano, Monza e Brianza, Cremona, Lodi, Varese, Bergamo, Brescia, Pavia, Como, Novara, Piacenza, Parma sono ancora decine i mux locali (e qualche nazionale) scomparsi dall'etere. La maggior parte degli impianti è stata spenta alle ore 10.00 di oggi, come da prescrizione (tranne qualche irriducibile ancora on air sulle originarie frequenze non si sa se scientemente o per problemi tecnici), ma non è ancora stata riattivata sui nuovi canali assegnati, forse anche per via della nevicata di questa notte che ha reso difficoltosa la salita sulle postazioni di Valcava e Monte Penice. Ma a rendere complicatissima la vita degli utenti è soprattutto la numerazione automatica dei canali (LCN), resa pubblica ieri sera dal MSE-Com, che dovrebbe trovare piena attuazione entro la giornata di oggi. La procedura seguita dal MSE-Com per l'assegnazione appare francamente incomprensibile (e sarà inevitabilmente fonte di centinaia di ricorsi al TAR), visto che se da una parte è certamente condivisibile la scelta di dare priorità di attribuzione ai programmi digitali convertiti dall'analogico, dall'altra non lo è affatto quella di penalizzare i fornitori di servizi di media audiovisivi già esistenti che non svolgono anche l'attività di operatore di rete. In pratica, moltissimi nuovi programmi (regolarmente autorizzati dal MSE-Com) da tempo veicolati sui mux delle tv locali non hanno ricevuto l'assegnazione LCN (e quindi sono stati esclusi) per esaurimento delle numerazioni a vantaggio di nuovi prodotti (non ancora  on-air) per i quali gli operatori di rete ex concessionari avevano presentato centinaia di domande a settembre. A questo punto, pare scontato che Agcom e MSE-Com dovranno allargare le numerazioni attribuibili alle locali utilizzando anche gli archi superiori all'ottavo e ridistribuire i numeri assegnati a fornitori di servizi di media audiovisivi che non ne fanno pieno utilizzo sull'intero bacino. Intanto, gli utenti stanno tempestando di telefonate sia i centralini del Ministero che quelli delle associazioni di categoria e degli antennisti. Molto probabile che la situazione non si stabilizzerà prima di qualche settimana. (A.M. per NL) 
26/11/2010 15:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).