Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: switch-off del nord Italia alle porte, ma con enormi problemi irrisolti
Agcom ha pubblicato oggi il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, rivisto e corretto. Con tante sorprese che avremo modo di esaminare più a fondo nei prossimi giorni.
Intanto, ed anzi a maggior ragione, le emittenti locali si dicono preoccupatissime per il loro futuro. La Federazione Radio Televisioni (FRT), in particolare, (ri)lancia l'allarme per una possibile "assegnazione dei diritti d’uso delle frequenze digitali nelle aree del nord Italia senza aver prima sottoscritto gli opportuni accordi di coordinamento internazionale con i paesi confinanti Francia, Svizzera, Austria e i paesi balcanici che si affacciano sull’Adriatico". Il Presidente dell'ente, Filippo Rebecchini, ha chiesto con una lettera inviata al viceministro al MSE con delega alle Comunicazioni Paolo Romani, il massimo impegno per dar corso alla formalizzazione degli accordi in modo da poter garantire ai soggetti interessati agli switch-off l’assegnazione di frequenze prive di problematiche interferenziali. Senza una pianificazione condivisa (che ormai pare impossibile) sarà guerra davanti ai TAR, fanno sapere gli editori locali. (A.M. per NL)
 
28/06/2010 20:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.