Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, switch-off Piemonte occidentale: la preoccupazione postuma di Mercedes Bresso
"Sono veramente preoccupata per le modalità con le quali in Piemonte si sta completando la transizione al digitale terrestre. Lo switch off scatterà entro la prossima settimana ma, soprattutto nei territori montani, non tutti i cittadini riescono a ricevere il segnale Rai".
Parole della scorsa settimana della presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso (foto). "Lunedì (05/10/09, ndr) mi metterò in contatto con il Direttore Generale della Rai chiederò di conoscere i problemi che si stanno riscontrando e soprattutto come e in quali tempi pensano di risolverli. Occorre evitare che migliaia di cittadini, pur pagando regolarmente il canone, siano penalizzati nell'accesso al servizio pubblico radiotelevisivo per il fatto stesso di vivere in zone svantaggiate. A questo si aggiungono le segnalazioni di alcune emittenti televisive locali che, con il nuovo assetto, lamentano di non poter raggiungere gli stessi bacini di utenza assicurati dall'analogico, con inevitabili effetti di tipo economico e commerciale", illustrava qualche giorno fa la Bresso, che prometteva: "Faremo tutto il possibile per essere vicini alle piccole comunità e alle emittenti locali che rischiano entrambe di essere escluse dalla ripartizione del dividendo digitale proprio nella transizione a tecnologie che dovrebbero assicurare non una riduzione, ma un'estensione del diritto a informare e a essere informati". Poffarbacco! Ma è la stessa Mercedes Bresso di cui parlavamo due settimane fa su queste pagine? La Bresso che si era disinteressata ai problemi delle emittenti locali, nonostante le promesse di qualche mese prima? Il Presidente della Regione con il sito internet senza avvisi all'utenza a riguardo della migrazione tecnologica? L'infermiera del digitale col miracoloso "cerotto" tecnologico da soli 25.000 euro? No, non è possibile. Certamente stiamo parlando di un'altra persona. Più accorta.
05/10/2009 20:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).