Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, switch-off Trentino. Tutto ok...a parole
Alè, ci risiamo. Gli scongiuri non sono serviti o forse non sono stati abbastanza. Pare infatti che in Trentino comincino a ripresentarsi i problemi già visti nel Piemonte occidentale.
E' bastata una serie di verifiche a campione per constatare che, al di là delle pompose dichiarazioni di facciata, le cose non stanno andando proprio per il verso giusto o almeno non del tutto. Vediamo perché. Intanto pare si sia riproposta la solita questione amministrativa degli impianti ex art. 30 D. Lgs 177/2005, cosicché, per esempio, la Val del Chiese sarebbe in parte oscurata a seguito dello spegnimento di impianti di comuni e comunità montane che non sono stati per tempo autorizzati alla migrazione su frequenze DVB-T compatibili con il master plan locale.  Poi, i vari mux dei player nazionali non risultano presenti in tutte le postazioni, cosicché, anche in questo caso, non sarebbe garantita la fruizione dei programmi invece precedentemente accessibili in analogico. Ci viene infine segnalata la presenza di multiplexer...vuoti (sic!). E anche in Val Rendena si riscontrano, da oggi, sostanzialmente gli stessi guai, ai quali sono da aggiungere quelli derivanti dalle difficoltà di far funzionare i trasmettitori in single frequency network (SFN, tecnica che pare sempre più buona sulla carta che sul territorio), come del resto accade tuttora in Piemonte occidentale. Eppure il MSE-Com canta (già) vittoria e dispensa comunicati trionfalistici a iosa. Vedremo nei prossimi giorni se finirà come in Piemonte occidentale. Intanto, terque quaterque testiculis tactis ...
16/10/2009 17:21
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).