Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, switch-over in Lombardia a luglio 2010?
Il 20 gennaio si terrà a Roma la riunione del Comitato Nazionale Italia Digitale, che ha quale ordine del giorno la calendarizzazione degli switch-off del 2010.
In tale occasione, probabilmente, verrà presa la decisione di slittare la migrazione dell’area tecnica 3 (Piemonte orientale e Lombardia, esclusa Mantova e compresa Piacenza) al secondo semestre 2010, allo scopo di evitare disagi connessi alle trasmissioni televisive in occasione delle elezioni di marzo ed dei Mondiali di calcio di giugno (tale ipotesi, si ricorderà, era stata prospettata per primo da questo periodico nell'ottobre scorso). Per lo stesso motivo, lo switch-over dell’area tecnica 3 (la migrazione anticipata di Raidue e Retequattro), secondo alcune indiscrezioni, potrebbe avvenire a luglio 2010, quindi a ridosso dello switch-off, come del resto prospettato in occasione dell’ultima riunione del CNID. La posticipazione dello switch-off dell’area tecnica 3, che determinerà un super switch-off del Nord Italia (in tale ipotesi migreranno a distanza ravvicinata: Piemonte orientale, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria), consentirà altresì al MSE-Com di concludere l’aggiornamento del database degli impianti televisivi operanti in Lombardia, dove, in conseguenza dei noti e cronici problemi operativi del locale Ispettorato Territoriale, la magistratura civile è spesso intervenuta in supplenza della P.A. nella risoluzione di problematiche interferenziali tra emittenti, ordinando lo spegnimento o la modifica di molti impianti di radiodiffusione televisiva, così determinando un quadro radioelettrico non del tutto noto all’Amministrazione, di cui, nondimeno, si dovrà tener conto nella redazione del master plan propedeutico alla digitalizzazione integrale (per evitare lo smarrimento di impianti che ha contraddistinto i lavori preparatori della migrazione televisiva laziale). Intanto, per supportare la comunicazione all’utenza, il Governo ha destinato alle campagne promozionali del 2010 sul DTT 53,5 milioni di euro.
 
05/01/2010 12:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).