Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre. Veneto: la Regione si costituirà nei ricorsi al TAR delle emittenti locali contro il PNAF
La Regione Veneto si costituira' ad adiuvandum nel ricorso proposto al TAR (per ora) da tre emittenti tv locali contro il Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze digitali approvato recentemente da Agcom.
L'Ente veneto, per voce del vicepresidente della Giunta regionale, Marino Zorzato, non aveva in verità fatto mistero già in precedenza di voler sostenere con tutti i mezzi possibili il pluralismo informativo televisivo, messo a serio rischio da un Piano che, dopo aver assegnato praticamente tutte le frequenze coordinate a livello internazionale ai player nazionali, ha lasciato alle emittenti locali 13 canali ancora da armonizzare con le assegnazioni estere (Slovenia e Croazia) e quindi afflitti inevitabilmente da forti limitazioni di servizio. Gli editori televisivi veneti che sino ad ora hanno operato su frequenze compatibili con quelle straniere, non hanno quindi la minima intenzione di veder compromesse posizioni tecniche e commerciali faticosamente raggiunte in oltre trenta anni di attività (e non raramente attraverso complessi coordinamenti tecnici basati su acquisizioni impiantistiche conseguite a caro prezzo). Sul piano giuridico, gli operatori che si rivolgeranno ai giudici amministrativi (non solo nel Veneto) perché annullino (nel merito), dopo averlo sospeso (in via cautelare), il PNAF, censureranno essenzialmente il provvedimento ritenendolo  viziato per violazione di legge (per la mancata riserva di 1/3 delle risorse frequenziali disponibili alle emittenti locali) e per eccesso di potere conclamantesi nella figura sintomatica della disparità di trattamento tra network provider locali e nazionali. (A.M. per NL)
28/07/2010 21:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.