Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, Zanda (PD): basta interim Berlusconi al MSE, altrimenti asta dividendo frequenze sarà decisa da lui
''L'arroganza che distingue da quasi tre mesi la permanenza di Silvio Berlusconi a capo del Ministero dello sviluppo economico e della televisione ha superato ogni limite di decenza e di sfacciataggine''.
Lo dichiara il vicepresidente dei senatori del PD Luigi Zanda che spiega: ''Ad aggiudicare i multiplex sul digitale terrestre che l'Italia deve assegnare per evitare la sanzione dell'Europa sara' una commissione nominata dal Ministero dello sviluppo economico, oggi retto ad interim da Silvio Berlusconi". "Il regolamento per le nuove frequenze attribuisce al Ministero per lo Sviluppo Economico il compito di scegliere il vincitore", aggiunge Zanda. "Sempre spettera' al Ministero indire e disciplinare la gara, deciderne i tempi, le scadenze e soprattutto nominare la Commissione che attribuisce i punteggi alle domande arrivate. Sky, piu' volte indicata anche dallo stesso Berlusconi quale principale concorrente di Mediaset, partecipera' alla gara per l'assegnazione delle frequenze per l'ingresso nel digitale'', spiega l'esponente del PD. ''In questa situazione il conflitto d'interessi di Silvio Berlusconi che avvelena la democrazia italiana diventa ancor piu' insopportabile. Il presidente del Consiglio non avrebbe mai dovuto autoattribuirsi l'interim del ministero della televisione. Lo invitiamo - dice Zanda - a lasciare al piu' presto l'interim e, nel frattempo, chiediamo formalmente all'Agcom di rivedere lo schema di regolamento della gara, pubblicato un anno fa quando nessuna persona sensata avrebbe mai pensato che il principale azionista di Mediaset, Silvio Berlusconi, avrebbe potuto amplificare in modo cosi' esponenziale il suo conflitto di interessi''. (fonte ASCA)
23/07/2010 12:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.